Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Arcade Fire

Uncategorized di Chiara Ribaldo

20 Settembre 2013

Si intitola Reflektor il nuovo singolo degli Arcade Fire che anticipa l’uscita prevista per la fine di ottobre del quarto album del talentuoso combo indie-rock guidato dal frontman e polistrumentista Win Butler. “Un mash-up di Studio 54 e Haitian Vodoo”, secondo la definizione dello stesso Butler in una recente intervista per Pitchfork.

Il disco segue a due anni di distanza il precedente lavoro dal titolo Neon Bible, maggiore successo commerciale della popolare band canadese, nonché vincitore di numerosi riconoscimenti tra i quali il Grammy Award come miglior album dell’anno.

Reflektor, che vede la collaborazione tra gli altri di David Bowie, è da pochi giorni on-line ed ha già catalizzato l’attenzione degli appassionati e degli addetti ai lavori grazie all’ambizioso video interattivo nato dalla collaborazione tra il creative director di Google Aaron Koblin e il regista “web friendly” (come lui stesso ama definirsi) Vincent Morriset, da anni al fianco della band di Montreal e di altre realtà del rock indipendente dal forte impatto multimediale, come ad esempio i Sigur Ròs.

Sulla falsariga dei lavori precedenti, Wilderness Downtown e Neon Bible, il concept alla base dell’esperimento multimediale realizzato dal filmaker canadese – il riflesso, declinato nelle sue diverse accezioni – cattura lo spettatore in un continuo gioco di rimandi tra realtà e virtuale, consentendogli di controllare gli effetti e lo sviluppo del video semplicemente utilizzando un mouse, un tablet o uno smartphone.

Una volta connessi al sito Justareflektor, infatti,viene richiesto di sincronizzare lo smartphone e il video sullo schermo del computer attraverso l’inserimento di un codice. Il passo successivo è l’accensione della webcam che consentirà di riflettere le vostra immagine in alcuni frammenti del video mentre attraverso il cellulare sarà possibile controllare gli effetti di luce, personalizzando così le sequenze girate ad Haiti, che raccontano “la storia di una giovane donna che viaggia tra il suo mondo ed il nostro”.

Nella sezione technology del sito, creato appositamente per ospitare l’esperimento multimediale, troverete il dettaglio delle tecnologie utilizzate per la realizzazione del video, in particolare la sincronizzazione del giroscopio del device mobile con il laptop/desktop e le ultime applicazioni di HTML 5 che hanno reso possibile il particolare grado di interattività.

In queste ore circola in rete su piattaforma Vevo anche il video in formato tradizionale, diretto dal filmaker Anton Corbjin.

Refletkor sarà disponibile dal 29 Ottobre su etichetta Merge.

Fabrizio Montini Trotti | Bake Agency

Chiara Ribaldo