Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

How To Make A Commercial Out Of A Vine

Uncategorized di Flavia Lazzaro

8 Ottobre 2013

Acquistata da Twitter a soli due mesi dalla sua creazione, Vine è un’applicazione per smartphone che consente di registrare video di 6 secondi e condividerli su una piattaforma social. Gli user possono cominciare, interrompere e poi riprendere la registrazione, con il risultato di un mini-montaggio.

Con oltre 40 milioni di utenti registrati, Vine sta coniando un nuovo modello di micro narrazione, con propri codici e tormentoni.

La cifra principale del nuovo mezzo, che consente a chiunque di mettere in pratica le proprie doti di regista, è la comicità. È possibile distinguere in particolare alcuni filoni di maggior successo: i “black vs white”, che sottolineano con ironia alcune differenze tra bianchi e neri, gli “how to” che sono dei mini tutorial in chiave sarcastica e i “be like”, ossia delle imitazioni di persone, animali, situazioni. Non mancano i tormentoni scaturiti da fatti di attualità, come il fenomeno Miley Cyrus o il lancio del nuovo GTA V.

Alcune companies americane non si sono lasciate sfuggire la possibilità di sfruttare il nuovo social, ma ciò che colpisce in questo caso è che per la prima volta un format comunicativo nato su una app, sia stato assunto dalle aziende come modello di comunicazione da esportare ed utilizzare sui tradizionali canali di comunicazione come la tv.

È questo il caso di due aziende americane, la Trident e la Dunkin’ Donuts, che hanno recentemente mandato in onda sui canali televisivi Fuse Tv ed ESPN, delle clip da 6 secondi originariamente concepite per Vine. La prima ha chiesto a due famosi user del social (Nicholas Megalis and Rudy Mancuso) di concepire un breve promo, la seconda si è affidata alla tecnica dello stop motion.

Altri grandi brand come Nissan, Virgin Mobile e alcune importanti realtà del settore entertainment si stanno già muovendo in questa direzione. In un periodo in cui i tagli ai budget di comunicazione sono all’ordine del giorno, l’utilizzo delle clip a bassissimo costo potrebbe prospettare un cambiamento importante nella pubblicità tradizionale.

Flavia Lazzaro | Bake Agency

Flavia Lazzaro
Latest posts by Flavia Lazzaro (see all)