Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Dentro al segno fino alla radice

Arte di Marco Stancati

13 Febbraio 2014

Spread the love

hans hartungCi sono quegli appuntamenti che non si possono mancare. Se avete un qualche interesse per l’arte o semplicemente amate il piacere di tracciare segni sulla carta, a palazzo Poli (Fontana di Trevi) dovete andarci. Se non proprio di corsa, senza rimandare troppo perché la mostra di Hans Hartung “La radice del segno” chiuderà, salvo proroghe, il 2 marzo prossimo.

Amatissimo in Francia il tedesco Hartung, apprezzato dal mercato americano e internazionale, mai abbastanza conosciuto in Italia. Questa mostra dell’Istituto nazionale per la Grafica sembra fatta apposta per aiutare a entrare in sintonia con quest’originale “pittore incisore” (peintre graveur), straordinario interprete e ricercatore delle infinite possibilità del segno grafico e del connubio con la pittura.

È un rapporto carnale quello di Hans con l’opera, un corpo a corpo con il supporto destinato ad accogliere i suoi tratti; che sia tavola, tela, lasta di zinco, rame, cartone, ferro o quant’altro. Quando incide una superficie, libera un’energia che noi poi avvertiamo guardando, che percepiamo nella vibrazione che risulta dall’incontro-scontro tra colore e graffito. Come in quest’unica foto.

Unica perché null’altro voglio anticiparvi sulle opere che vedrete: che il rapporto sia fatto di scoperta intima e soggettività.

Aggiungo solo un frammento di ricordo, carico di emozione spero contagiosa. Alberto Burri, uomo prima ancora che artista tra i più silenziosi, non concettualizzava mai né la sua opera né quella degli altri. Però di Hartung mi disse: “Lui graffia a evviva!”. Ho parlato una sola volta con Burri, ed è una fortuna indicibile perché pochissimi hanno avuto questo privilegio. Successe nell’essiccatoio del tabacco di Città di Castello, allora suo studio, oggi Museo. Ero molto giovane, solo a distanza di più di quarant’anni ho capito davvero il senso di quel commento di Burri, guardando un prezioso video d’epoca in una saletta della mostra (attenzione, che è piuttosto nascosto il locale e può sfuggirvi!).

Dura una quindicina di minuti il video, senza parole e senza colonna sonora: solo Hartung al lavoro, ripreso da una sapiente regia che alterna segni, gesti e sguardi dell’artista. Nei momenti di maggiore tensione compositiva, Hartung incide, disegna, dipinge, graffia il supporto con gesti simmetrici di entrambe le mani che partono dal basso e vanno ripetutamente, ossessivamente, con forza incontenibile verso l’alto. Come alzasse le braccia al cielo in un gesto liberatorio, come urlare urrà. Come urlare evviva. Hartung “graffia a evviva!”, appunto.

Andateci.

Marco Stancati | Bake Agency

Marco Stancati