Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

DENTRO L’IMMAGINE
Intervista a Guido Harari

Arte di Miriam Bendìa

9 giugno 2016

L’intervista è stata realizzata in collaborazione con Gabriele Rigon.

Di lui ha detto Lou Reed: “Sono sempre felice di farmi fotografare da Guido. So che le sue saranno immagini musicali, piene di poesia e di sentimento. Le cose che Guido cattura nei suoi ritratti vengono generalmente ignorate dagli altri fotografi. Considero Guido un amico, non un semplice fotografo.”
Incontrare Guido Harari significa ripercorrere visivamente la storia del rock attraverso le sue immagini, come in una particolare capsula del tempo, dove “l’immaginario collettivo può riconnettersi con l’emozione visuale della musica”

Nel 99% dei tuoi ritratti, i protagonisti ridono o fanno ridere. Qual è il segreto? 

Il tempo di una fotografia è buontempo da passare insieme. Chi se lo immagina come puro “lavoro” professionale sbaglia di molto. Forse sono riuscito in molti casi a far capire ai miei soggetti – celebri e non – che il mio trovarmi davanti a loro con in braccio la macchina fotografica nasceva da una curiosità del tutto personale, da una passione (soprattutto nel caso di musicisti, scrittori, registi, artisti in generale, ma non solo).

Nelle tue foto ci sono il rigore, l’equilibrio e l’eleganza di Richard Avedon con in più il neorealismo felliniano… Quali sono gli artisti che consideri tuoi maestri?

Ti ringrazio, ma davvero la pensi così? Hanno acceso la mia fantasia autori come, tra gli altri, Art Kane, Arnold Newman, Bruce Davidson, Jim Marshall, ma anche fotografi eccentrici alla mia orbita come Edmund Teske e Luis Gonzales Palma. Artisti con una visione/visionarietà non di confezione, più spesso di pura poesia.

slide_417596_5314494_free
Ennio Morricone

Tu hai avuto la fortuna di rubare un pezzetto d’anima a uomini e donne che hanno cambiato la storia della musica, della letteratura e dell’arte in generale. Alcuni (come l’indimenticabile Fabrizio De André) non ci sono più ormai, e siamo tutti più poveri senza. Cosa provi quando incroci i loro sguardi nelle tue fotografie? 

Mi ritengo privilegiato di aver trascorso del tempo in loro compagnia e di aver cercato di assorbire il più possibile da quel contatto con loro. Se poi questo si sia tradotto in buone immagini resta da vedere. In diversi casi ho usato la fotografia per salvare la memoria di figure, spesso chiave, di un mondo e di una cultura ormai estinti e irripetibili.

Negli anni novanta è cambiato qualcosa, in te, raccontaci cosa e perché.

REED-Lou-+-HARARI
Guido Harari e Lou Reed

Innanzitutto ho voluto togliermi di dosso l’etichetta di semplice fotografo musicale. Purtroppo anche in Italia tutto procede a compartimenti stagni e spesso paga la specializzazione. Ma è un’arma a doppio taglio. Io sono stato sempre un cane sciolto, con mille interessi, mille mondi da esplorare e troppo poco tempo per riuscire a farlo sensatamente. Negli anni Novanta, complici anche testate allora importanti sul fronte dell’immagine (come “Max”, “King”, “Moda”, “Sette”), l’impresa mi è stata possibile. Poi però si è esaurito il mio interesse per le cosiddette “celebrities” e per l’insopportabile mordi e fuggi della fotografia. Ho scoperto di poter fotografare senza macchina fotografica, realizzando libri di cui mi occupavo a tutti i livelli, dall’editing dei materiali, dei testi, fino al progetto grafico. È stata una scoperta senza ritorno, che ancora oggi mi regala nuove sorprese e grande progettualità.

Lou Reed ha detto di te: “Sono sempre felice di farmi fotografare da Guido. So che le sue saranno immagini musicali, piene di poesia e di sentimento. Le cose che Guido cattura nei suoi ritratti vengono generalmente ignorate dagli altri fotografi. Considero Guido un amico, non un semplice fotografo”. Cosa cerchi negli altri quando passano davanti al tuo obiettivo?

harari_deandre
Fabrizio De André, Bologna, 1979

Cerco di indovinare e cogliere la persona dietro al personaggio. Come ho detto prima, per me fotografare  non è portare a casa il trofeo, ma avere un’occasione di conoscenza. In tal senso, probabilmente non sono neppure un fotografo, ma piuttosto un “raconteur”. Credo che il mio ultimo libro Bestemmia sulla vita e sull’opera di Pier Paolo Pasolini sia l’esempio più calzante di quanto ho detto. Purtroppo non ho fatto in tempo a conoscere Pasolini e allora mi sono “creato” un viaggio (questo libro, appunto) per conoscerlo e approfondirlo. Un viaggio che ho fatto insieme alla nipote di Pasolini, Graziella Chiarcossi, lavorando su migliaia di documenti del Fondo Pasolini presente all’Archivio Vieusseux di Firenze e al Centro Studi Pasolini di Casarsa.

La Musica è il filo rosso che percorre la tua Arte, perché?

Quando ho avuto sette-otto anni (cioè alla fine degli anni Cinquanta) la musica rock e pop di quegli anni fantastici mi ha conquistato. Da Chuck Berry, Little Richard, Elvis Presley fino poi ai Beatles, Rolling Stones, Hendrix e così via, la musica è stata la chiave di un’inarrestabile e specialissima scoperta del mondo. Ho pensato fin da adolescente di combinare due passioni – quella per la musica e quella per la fotografia – in un progetto unico.

Quale canzone vorresti aver composto tu e perché? Quale musica ascolti?

Sono onnivoro dal punto di vista dell’ascolto musicale, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e ri/scoperte. Alla prima domanda non saprei davvero cosa/come rispondere.

La tua generazione è stata molto fortunata, c’è qualcosa che vorresti raccontare a questa generazione sulla musica che hai vissuto e amato?

La mia generazione è cresciuta, non solo anagraficamente, su certa musica. La musica di oggi non rappresenta nulla perché non c’è più nulla da rappresentare: i grandi ideali, l’idea stessa di un futuro migliore, si sono sfarinati. Basta leggere un libro qualunque di Bauman per capire quel che sto dicendo. Possiamo raccontare il nostro passato senza nostalgia, solo col rimpianto di quello che credevamo possibile, e invece non è stato. Per colpa della nostra ingenuità e di una buona dosa di arroganza.   

slide_417596_5314500_free
Tom Waits

Se potessi vivere in un’altra epoca storica, quale fotografo del passato vorresti essere?

Basta fotografia. Mi sarebbe piaciuto essere stato un pittore come Francis Bacon, vivere in un’epoca in cui potevano esserci ancora schemi da rompere. Oggi è il deserto.

In un’epoca in cui i cantanti si fanno i selfie (certi anche più belli delle foto ufficiali) invece dei ritratti, i social media sono diventati più importanti dei fotografi?

Tutto è stato desacralizzato e svuotato di qualunque significato. Le nuove tecnologie e la rete ci hanno espropriati dell’intelligenza, di ogni pudore e soprattutto del nostro tempo libero. La connettività non è affatto collettività.    

Cosa consiglieresti a un ragazzo che, oggi, volesse intraprendere la carriera di fotografo?

Capire innanzitutto cosa vuole esprimere attraverso quel linguaggio, e poi se è il linguaggio adatto a quello che vuole esprimere. Senza una simile presa di coscienza, si fa solo esercizio estetico fine a se stesso.


Guido Harari si è affermato nei primi Settanta come fotografo e giornalista musicale. Nel tempo ha esplorato e approfondito anche il reportage, il ritratto istituzionale, la pubblicità, la moda e il progetto grafico dei propri libri.
Numerose le copertine di dischi firmate per artisti internazionali come Kate Bush, David Crosby, Bob Dylan, BB King, Ute Lemper, Paul McCartney, Michael Nyman, Lou Reed, Simple Minds e Frank Zappa, oltre ai lavori per Dire Straits, Duran Duran, Peter Gabriel, Pat Metheny, Santana e altri ancora.
In Italia ha collaborato soprattutto con Claudio Baglioni, Andrea Bocelli, Angelo Branduardi, Vinicio Capossela, Paolo Conte, Pino Daniele, Eugenio Finardi, Ligabue, Mia Martini, Gianna Nannini, PFM, Vasco Rossi, Zucchero e la Filarmonica della Scala.
Di Fabrizio De André è stato per vent’anni uno dei fotografi personali: a lui ha dedicato tre volumi Fabrizio De André. E poi, il futuro (2001), Fabrizio De André. Una goccia di splendore (2007), Fabrizio De André & PFM. Evaporati in una nuvola rock (con Franz Di Cioccio, 2008). È stato anche tra i curatori della grande mostra multimediale sul cantautore genovese, prodotta da Palazzo Ducale a Genova.
Ha realizzato numerose mostre personali e diversi libri illustrati tra cui The Beat Goes On (con Fernanda Pivano, 2004), Vasco! (2006), Mia Martini. L’ultima occasione per vivere (con Menico Caroli, 2009), Gaber. L’illogica utopia (2010), Quando parla Gaber (2011), Vinicio Capossela (2013), Tom Waits (2013), Kate Bush (2014), Pasolini. Bestemmia (Chiarelettere, 2015).
Nel 2011 ha lanciato ad Alba, dove risiede da diversi anni, la sua galleria fotografica, Wall Of Sound Gallery, interamente dedicata all’immaginario della musica. Wall Of Sound è anche una casa editrice che pubblica i cataloghi delle proprie mostre e libri in edizione limitata (in uscita a settembre 2016 The Kate Inside, un volume delle sue fotografie di Kate Bush).

www.guidoharari.com
www.wallofsoundgallery.com


Miriam Bendìa

Miriam Bendìa

Tra un viaggio e l’altro, vive a Roma.
Ha scritto un pugno di libri.
Come Philippe Daverio, sostiene che la vita con l'arte talvolta migliora l'arte della vita.
Sogna molto, la notte. E ha imparato, al risveglio, a fidarsi delle proprie visioni oniriche.
Da grande – dice – sogna di fare la scrittrice.
Miriam Bendìa