Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Cosa sono i Déjà vu?

Quali sono le possibili teorie per spiegare questo fenomeno?

Quora in pillole, Rubriche di Valentina Tosi

1 novembre 2018

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con esperti che partecipano realizzando contenuti di qualità.

Nella rubrica Quora in pillole propongo ogni mese le risposte più interessanti, su tematiche che spaziano dal marketing alla comunicazione, dalla tecnologia fino all’arte e alle esperienze personali.
Se vuoi condividere le tue conoscenze o fare domande, iscriviti su it.quora.com

La domanda di oggi: qual è l’origine dei Déjà vu?
Risposta di Andrea Ennas studente di Medicina, su Quora.it

Photo by Evan Dennis on Unsplash
Photo by Evan Dennis on Unsplash

 

Potrei giurare di averlo già fatto prima..

Almeno una volta nella vita capita a tutti di esclamare “Ho appena avuto un Déjà vu”, di avere quella particolare sensazione per cui sembra di vivere due volte una determinata situazione.

Ad oggi non esiste ancora una spiegazione univoca del fenomeno, ma sono state formulate quattro ipotesi per motivarne l’esibizione.

1. Doppio Processamento: la sensazione è determinata da un impulso nervoso che viene processato dai due emisferi cerebrali con qualche millisecondo di differenza. La mancata sincronizzazione scatena la sensazione di una situazione già vissuta.

2. Neurologica: il fenomeno si presenta quando vi sono ritardi o anomalie nella trasmissione degli impulsi nervosi.

3. Affinità mnemonica: si ricrea un’affinità spaziale con un evento già vissuto, non recuperabile sul momento ma, all’occasione, in grado di essere richiamato tramite inconscio.

4. Attenzionale: si verifica una percezione inattesa immediatamente seguita da una percezione conosciuta; il mix scatena una percezione di familiarità

Dal punto di vista anatomico uno studio condotto su pazienti con frequenti fenomeni di déjà vu, ha evidenziato una quantificabile riduzione di materia grigia, in specifiche aree celebrali.
Reduci di questa diminuzione sembrano essere la corteccia e altre aree profonde come l’ippocampo, direttamente coinvolto nella gestione della memoria.

In campo patologico è stato osservato un aumento della frequenza dell’evento nei pazienti affetti da epilessia del lobo temporale, elemento che potrebbe confermare le teorie sull’alterata trasmissione degli impulsi nervosi come causa del fenomeno.

Attualmente sono ancora oggetto di studio, tuttavia credo che, anche se dovessero ottenere una spiegazione univoca e scientifica, continuerebbero comunque a stupirci ogni volta.

Valentina Tosi

Valentina Tosi

Vive a Mountain View (California) dove riveste il ruolo di Head of Community Relations per l’Italia, in Quora. Valentina si è unita all’azienda nell’aprile del 2017 e si è occupata del lancio di Quora in Italiano, dopo aver lavorato a Google come Territory Manager per l’America Latina. Da quando si è trasferita in Silicon Valley, nel 2011, ha rivestito ruoli simili in altre aziende hi-tech. In precedenza ha vissuto a Barcellona, dove ricopriva il ruolo di Country Manager in una start-up del settore software as a service. Laureata in Lingue e Cultura per l’Impresa all’Università di Urbino, è nata e cresciuta a Gatteo Mare, in Romagna.
Valentina Tosi

Latest posts by Valentina Tosi (see all)

Andrea Ennas ha 23 anni ed è uno studente di medicina presso l’Università degli Studi di Cagliari.
Soccorritore 118 presso l’associazione “Croce d’oro Cagliari”.

Attualmente in corso Quick Med, il suo progetto sulle curiosità mediche, visitabile su Instagram.