Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Il primo “Albergo Etico” di Roma dove a lavorare saranno solo ragazzi disabili

«La mia è una speranza. Sto dicendo al mondo che anche nelle situazioni più complicate c’è una luce in fondo e ognuno può trovare il suo posto.»

Comunicazione di Carola Marani

19 dicembre 2018

«Oggi sei figo se sei Etico», svela Riccardo Scandellari durante un workshop sul Personal Branding tenuto a Roma, qualche mese fa, dalla Bake Academy.

L’etica non è una cosa da far passare in secondo piano.

Sembrerebbe aver centrato il punto, il consulente marketing e comunicatore italiano, perché proprio da quel giorno, osservando con più attenzione ciò che è accaduto in questo lasso temporale, non ho fatto altro che notare messaggi tramite i quali, in modo subliminale e indiretto, si richiede espressamente un ritorno alle origini.

Messaggi di sensibilizzazione, appelli all’integrità morale ormai nascosta chissà dove ed elogi alla gentilezza quasi perduta, in sintesi una disperata ricerca di eticità.

Recentemente, sfogliando la mia home di Facebook, l’occhio mi è caduto su un particolare annuncio: l’apertura di un nuovo albergo nel centro storico di Roma.

 

 

Un complesso di lusso penserete, d’altronde affiancare il termine hotel a centro di Roma facilita l’insinuazione dell’idea di fastosità nella mente di chi legge, ma no, non è quello l’aggettivo principale.

Proprio tra pochi giorni invece, (esattamente il 22 Dicembre) a due passi da Piazza del Popolo, ciò che verrà inaugurato sarà un albergo che come caratteristica primaria sceglie quella di essere etico.

Da qui il nome, il primo a Roma dove a lavorare saranno solo ragazzi disabili. Vuole puntare su questo Antonio Pelosi, promotore del progetto e discendente di una storica famiglia di albergatori romani.

Voglio dare un’opportunità ai ragazzi che hanno avuto o hanno delle difficoltà, perché ognuno abbia modo di dare ciò che può.

Vogliamo trovare ad ognuno un impiego che possa far fruttare al massimo le sue capacità.

 

Lo staff dell'Albergo Etico di Roma: colleghi ma anche amici.
Lo staff dell’Albergo Etico di Roma: colleghi ma anche amici.

 

E da cosa nasce l’idea?
Da un incidente, il mio, quello avuto qualche tempo fa che mi tenne in coma per tre settimane.

Dopo tanta riabilitazione ho fatto un sogno, splendido ma molto ambizioso, realizzare un albergo nel cuore della Capitale.

Un posto molto particolare in cui ci saranno tanti ragazzi disabili che lavoreranno, fianco a fianco, e si integreranno in uno staff professionale potendo così lavorare normalmente, conquistando la fiducia di tutti gli ospiti, la stessa che si perde in seguito ad un trauma tanto forte. Una struttura che può ospitare e aiutare anche chi è riuscito a farcela uscendo dal coma: ci saranno giovani con la Sindrome di Down e X Fragile e post-comatosi.

Il mio vuole essere un punto di partenza, sfruttando le competenze nel settore desidero formare professionisti che saranno in grado poi di lavorare anche altrove.

Un’impresa no profit, tutto quello che ricaveremo verrà reimpiegato nell’albergo.

 

albergo etico roma

 

Situata in via Giuseppe Pisanelli, la struttura è un ex scuola privata chiusa alla fine degli anni ’90. Dopo mesi e mesi di trattative l’accordo è arrivato, in affitto per i prossimi diciotto anni.

Conta diciassette stanze, un bar, un ristorante e un’area co-working. E infine impiega, al momento, dieci ragazzi con differenti disabilità, cimentati ormai da mesi nello studio gestionale di eventuali alberghi.

Tutto è al proprio posto, siamo pronti per partire: sabato mattina la struttura verrà ufficialmente presentata alla città.

Sarà un’avventura che arricchirà chiunque entrerà qui!

Non ci resta che augurare loro buona fortuna!

 

Carola Marani

Carola Marani

Mente creativa in continua ricerca di nuovi stimoli.

Nata e cresciuta a Roma, laureata allo IED, Istituto Europeo di Design, in Fashion Marketing & Communication si definisce una spugna sempre pronta ad assorbire ogni nuova nozione.

Non ama la staticità, soprattutto professionale, perché pensa che passare troppo tempo sullo stesso progetto sia la più grande perdita di opportunità: «è come chiudersi a chiave dentro casa rifiutando di guardare ciò che accade al di fuori!» .

Crede fermamente nel dono della condivisione e dice che senza la condivisione non esisterebbe informazione e crescita, che sia personale o professionale.

Riempie il suo tempo libero leggendo, scrivendo e fotografando.
Carola Marani

 

Cover: lo staff dell’Albergo Etico di Roma, tutti insieme sul tetto dell’Albergo del Senato.