Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Woman before a glass: attraverso gli occhi di Peggy Guggenheim

Caterina Casini, diretta da Giles Stjohn Devere Smith, in scena al Teatro Palladium di Roma.

Arte di Miriam Bendìa

30 gennaio 2019

La storia di una donna coraggiosa e trasgressiva, dalla vita travolgente e travagliata. Animata da un amore per l’arte contemporanea così grande da farla diventare la più celebre collezionista di sempre.

Figlia di Benjamin Guggenheim e Florette Seligman, era la nipote di Solomon R. Guggenheim (proprietario del Guggenheim Museum di New York).

Il padre muore nell’affondamento del RMS Titanic, lasciando a Peggy un’eredità di 2,5 milioni di dollari USA (circa 34,5 milioni in valuta odierna) a soli 21 anni.

Nel 1949, si stabilì a Venezia, dove visse ed esibì la propria collezione per il resto della sua vita.

Mi sono sempre dedicata alla mia collezione. Una collezione significa un duro lavoro. Sono stata io a volerla e l’ho trasformata nel lavoro della mia vita.

Come scrive Paolo Barozzi, assistente personale e amico di Peggy, in Peggy Guggenheim: una donna, una collezione, Venezia: dei tanti amori (veri o fasulli) che le furono attribuiti, ce ne fu uno che durò in assoluto più di tutti gli altri, quello per Venezia.

Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Vivere a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro. Dopo la prima visita si è destinati a tornare non appena possibile, adducendo una scusa qualsiasi non si può restare lontani a lungo; si è riassorbiti inevitabilmente, come per magia…

La collezione d’arte, scopo principale e motore ultimo della sua esistenza, veniva alimentata grazie al grande amore per la città.
La collezione Peggy Guggenheim è un museo d’arte moderna sul Canal Grande di Venezia, ed è ancora oggi una delle attrazioni più visitate.

Per mettere insieme tanti capolavori ella aveva dato il meglio di sé, la sua intelligenza, la sua forza d’animo, la sua resistenza fisica, la sua tenacia, la sua astuzia.

 

Caterina Casini in "Woman before a glass"
Caterina Casini in “Woman before a glass”

 

Dopo il debutto al Festival di Todi e le repliche al Teatro Quarticciolo di Roma, gli applausi di Torino, Livorno e tante altre città italiane torna nella Capitale “Woman before a glass”, il trittico scenico in quattro quadri di Lanie Robertson incentrato sull’affascinante figura di Peggy Guggenheim.

Caterina Casini, diretta da Giles Stjohn Devere Smith, sarà in scena al Teatro Palladium dall’1 al 3 febbraio (1 e 2 febbraio ore 20.30; 3 febbraio ore 18.30).

Una performance per una sola attrice che offre al pubblico la possibilità di guardare il mondo e l’arte contemporanea attraverso gli occhi di Peggy Guggenheim: ciò che lei ha cercato, indagato, scoperto, sofferto, sostenuto e promosso.

Com’è noto, Guggenheim comprò Palazzo Venier dei Leoni a Venezia e lì raccolse la sua straordinaria collezione d‘arte moderna. Fu una donna capace di intuire il mondo che la circondava, che credeva negli artisti sui quali puntava anche se il resto del mondo ancora non sapeva riconoscere quelli che poi furono Pollock, Kandinsky, Mirò, Bacon, Ernst e tanti altri.

 

 

Attraverso un linguaggio disinvolto e provocatorio (così com’era la stessa Peggy), lo spettacolo racconta alcuni istanti degli ultimi anni di Guggenheim. Si ripercorrono i momenti drammatici della guerra.

La fuga dalla Francia per le persecuzioni naziste, durante la quale Peggy nascose tele e sculture tra i piatti e le vettovaglie di cucina.

I difficili rapporti con mariti e amanti.

 

Caterina Casini in "Woman before a glass"
Caterina Casini in “Woman before a glass”

 

Emergono i suoi momenti di forza e le sue debolezze. Il rapporto conflittuale con la figlia, morta suicida, i rapporti d’affari con le più importanti gallerie e musei del mondo. I suoi rimpianti, le nostalgie e il suo scivolare lento verso la serenità della fine.

C’è una componente essenziale che Peggy trasmette al pubblico: la tensione che vive e si specchia nella certezza e nei ricordi.

Gli amanti, i colori, i pittori, i vestiti, il fumo, gli amici, le macchie, l’acqua, il dramma.

 

Caterina Casini in "Woman before a glass"
Caterina Casini in “Woman before a glass”

 

Ogni momento rievocato dalla sua memoria rivive nei due blocchi scenografici. La tecnica del video-mapping permette di isolare parti di una superficie creando quindi una “mappatura” bagnata dalla video-proiezione.

Miriam Bendìa

Miriam Bendìa

Tra un viaggio e l’altro, vive a Roma.
Ha scritto un pugno di libri.
Come Philippe Daverio, sostiene che la vita con l'arte talvolta migliora l'arte della vita.
Sogna molto, la notte. E ha imparato, al risveglio, a fidarsi delle proprie visioni oniriche.
Da grande – dice – sogna di fare la scrittrice.
Miriam Bendìa

Caterina Casini è attrice, regista, autrice e si occupa costantemente di didattica teatrale. Diplomatasi allo Studio Fersen di Arti Sceniche, nel 1977, inizia subito il suo percorso di attrice con le regie brechtiane di Gian Carlo Sammartano. Studia e lavora a Parigi con Carlo Boso, maestro di commedia dell’arte, e tra gli altri con Aldo Trionfo, Tonino Conte, Marco Mattolini, Emanuela Giordano, Mariano Rigillo, Walter Manfrè, Maurizio Panici, Giles Devere Smith. Studia regia per opera lirica al centro studio Ferruccio Busoni di Empoli, con Virginio Puecher. Nel 1988 approda in televisione con Renzo Arbore e inizia il suo lavoro sulla comicità per la tv, la radio e il teatro come autrice e interprete. In cinema e televisione ha lavorato tra gli altri con i registi Marco Ferreri, Marco Mattolini, Mazzacurati, Guido Chiesa, Stefano Pasetto, Carlo Vanzina. Nel 2001 fonda col comune di Sansepolcro la Scuola Comunale di Teatro e ne assume la direzione didattica e artistica. Nel 2003 fonda l’associazione Laboratori Permanenti, nel 2009 ottiene la trasformazione dell’ex ospedale di Sansepolcro in teatro, inaugurato nel 2013 come Teatro Alla Misericordia di Sansepolcro, e ne assume la co-direzione artistica.