Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Retail Innovations: 4 aree chiave per uno store concept di successo

Oggi viviamo in una realtà in cui il cambiamento è più veloce di noi. Scopriamo i quattro ingredienti per uno store concept di successo.

Comunicazione di Antonella D'Amato

14 marzo 2019

Ebeltoft Group, in piedi dal 1990, studia costantemente le innovazioni nel Retail e realizza dal 2005 la Ricerca annuale Retail Innovations, che analizza le tendenze emergenti attraverso i casi internazionali più di successo.

Il gruppo comprende 25 società specializzate nel Retail che forniscono consulenza e servizi affinchè i Retailer rimangano competitivi. Kiki Lab è il membro italiano del consorzio, specializzato nel retail a 360 gradi.

 

Quali sono le tendenze chiave del prossimo futuro?Come affrontare il cambiamento?
Di cosa sono alla ricerca i clienti?
Migliorare, evolversi, innovare i tre must per affrontare il mercato con successo interpretando il cambiamento emergente.

La ricerca di Ebeltoft Group e di Kiki Lab ha messo in luce 4 aree chiave delle retail innovations:

1)SMART SHOPPING
2)BRAND INTENSITY
3)RESPONSIBILITY
4)INTERACTIONS

 

SMART SHOPPING

È il retail intelligente, pratico, brillante. Processi fluidi, negozi più piccoli e utilizzo dell’E-Commerce per ridurre tempi e costi.

La ricerca fa emergere molti casi esemplificativi di smart shopping, tra cui Bloom & Wild, un fioraio online con un packaging innovativo che garantisce un maggior tempo di vita ai fiori ed enfatizza l’effetto sorpresa. La scatola ha una particolare configurazione per poter entrare nella cassetta tipica delle case inglesi.

La Poste, un rinnovamento del concept postale effettuato dai francesi in cui la clientela business può usare la filiale come un proprio spazio di lavoro, per meeting o riunioni.

 

BRAND INTENSITY

È la capacità del brand di comunicare i propri valori e la propria identità, di attirare a sé e fidelizzare il cliente.
La si ottiene creando svariati touch point nel customer journey per generare emozioni e conferme nel cliente, in modo che quest’ultimo possa sentire prepotente il fascino del brand.
Un’area che troviamo esemplificata nel concept De Dames van Hurkmans, un’officina creata da due sorelle che offrono auto usate e servizi di riparazione tutti al femminile.

 

RESPONSIBILITY

Parola chiave: responsabilità ambientale, siamo ancora in tempo.
La responsabilità dei retailer deve essere volta a razionalizzare l’uso delle risorse e a produrre meno rifiuti riutilizzando oggetti e smaltendoli in modo da favorirne il riciclo.
Wefoods in Danimarca si basa sul farsi regalare prodotti alimentari in scadenza per poi rivenderli a prezzi molto bassi.
Toms, progetto americano, produce e vende espadrillas e scarpe realizzate in paesi in via di sviluppo supportando così le economie locali. Toms ha lanciato fin dall’inizio il progetto One for One, ossia per ogni paio di scarpe vendute un paio veniva regalato a bambini bisognosi.

 

INTERACTIONS

Valorizzare le relazioni, funzionali ed emozionali, con i clienti e con le community.
Offrire percorsi esperienziali particolari e vincenti dove il cliente è emotivamente coinvolto.
Beauty Sisters: un blog-store francese che, attraverso un touch screen con video tutorial, integra le relazioni con le beauty consultant.
Ikea invece in Polonia sponsorizza il try before buy delle cucine, spingendo il cliente a portarsi gli ingredienti e a cucinarli con la cucina Ikea.

Ormai il business del retail è come la dinamica della bicicletta: si cade molto più facilmente da fermi che in piedi.

 

Antonella D'Amato

Antonella D'Amato

Milanese di nascita ma partenopea nelle origini, nonostante sia fieramente innamorata e al contempo assuefatta ai ritmi frenetici e agli aperitivi della City, non ha mai dimenticato le tradizioni e i tramonti del suo amato Sud.
La penna è lo strumento che più la rappresenta. Si laurea in Scienze della Comunicazione con una tesi sul "Fashion Branding 3.0: innovazione e tecnologia nell’era digitale". Le sue due principali passioni, la moda e la scrittura, la portano a dedicarsi totalmente a qualsiasi attività possa fondere i due mondi.
Esperta di moda, è redattrice per diverse testate e autrice di studi nel settore.
Attualmente si occupa di comunicazione, sales e media content editing per un’azienda di moda milanese.
Crede che la gentilezza dovrebbe diventare il modo naturale di porsi nella vita, non l’eccezione. La sua filosofia di vita deriva dalla fusione di due citazioni, i cui autori hanno poco a che spartire ma il cui mix ben rende l’idea: una dannunziana, «Memento audere semper», e una dello stilista M. Blahnìk, «Always Look impeccable! (even if you are not)».
Antonella D'Amato