Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

La “Casa russa” nel cuore della città eterna

Ambasciatori della Comunicazione, Rubriche di Masha Ruzova

16 aprile 2019

La giovinezza dell’anima a Roma non passa nemmeno appena l’ordinaria giovinezza della vita umana… Questo verde eterno, che incorona le colline e le rovine di Roma, eccita e affascina i cuori della gente del nord, come le parole del mito antico o l’aspetto delle antiche divinità.

P. Muratov

Pavel Pavlovich Muratov (1881-1950) — scrittore e storico dell’arte russo, traduttore ed editore

 

I rapporti culturali tra Italia e Russia risalgono a diversi secoli fa. L’esperienza accumulata nel corso degli anni e le solide fondamenta contribuiscono all’ulteriore rafforzamento delle relazioni italo-russe sia nella sfera culturale che in quella politica, diplomatica ed economica. Just Baked ha discusso delle questioni attuali con i rappresentanti del Centro russo di scienza e cultura a Roma: il principale esperto dell’ufficio di rappresentanza di Rossotrudnichestvo in Italia Alexander Polezhaev ed il capo del servizio stampa Polina Efimkova.

 

La Russia è un paese con un patrimonio culturale ricco e poliedrico, e voi siete il “centro culturale” della Federazione Russa in Italia. Promuovete la cultura russa moderna?
L’attività del Centro russo e dei suoi uffici di rappresentanza è diretta ad attuare la politica statale di cooperazione umanitaria internazionale e a facilitare la diffusione all’estero di una visione oggettiva della Russia moderna e della lingua russa. Quindi sì, una delle funzioni principali del Centro russo di scienza e cultura a Roma è la diffusione delle informazioni e la promozione della cultura russa. La “Casa russa” nella città eterna ha aperto nel 2011, ma l’istituto del “soft power” russo ha una ricca storia. Il nostro sistema, che è impegnato nell’espansione della cooperazione umanitaria, esiste dal 1925; quindi presto avremo un anniversario: nel 2020 compieremo 95 anni.

Prestiamo particolare attenzione alla lingua russa come fattore principale che promuove la conoscenza della Russia e della sua cultura tra i popoli stranieri. Presso il Centro russo di scienza e cultura è possibile studiare il russo, frequentare la biblioteca ed i numerosi studi creativi per bambini e adulti. Inoltre, a richiesta, offriamo l’opportunità di ottenere un’istruzione professionale superiore presso il nostro paese e, per i giovani rappresentanti di ambienti politici, pubblici, scientifici e di business, di prendere parte al progetto ‘’New Generation’’ un programma di viaggi di studio a breve termine nella Federazione Russa a spese del paese ospitante.

La cultura russa è ricca e diversificata e noi offriamo agli ospiti diverse attività: concerti di musica russa classica e moderna, presentazioni di libri, serate artistiche e proiezioni di film.

 

Russian Crossover project

 

Sostenete il formato dell’arte digitale o la scuola classica?
La civiltà si sta sviluppando migliorando costantemente gli approcci ed inventando strumenti sempre più avanzati. L’uomo era ancora senza vestiti, ma stava già incidendo con una pietra le scene della sua vita sulle pareti della grotta. Poi sono stati inventati i pennelli e sono apparse tele e pitture sempre più resistenti, le quali ci permettono di ammirare i dipinti del Rinascimento ancora oggi. Ora gli artisti non hanno nemmeno bisogno di vernici, basta prendere la stilo ed iniziare a disegnare sul tablet. L’artista crea un disegno in un formato moderno – come un file.

Non importa come si chiami questa nuova direzione – arte digitale o arte multimediale – questa è arte, in cui una persona crea il suo concetto con le proprie mani.

Tuttavia, se mi venisse offerto di andare alla mostra “Reviving Paintings” di Kuindzhi e Vasnetsov, accetterei per poter camminare per alcune ore attraverso le sale della Galleria Tretyakov, dove si trovano gli originali.

 

Quali canali di comunicazione usate per diffondere la cultura russa e rafforzare la cooperazione internazionale?
Per la cooperazione, è necessario non solo avere le informazioni necessarie, ma anche farsi conoscere, condividere esperienze. La cultura russa è multiforme e può essere introdotta non solo attraverso lo svolgimento di eventi culturali. Stabilire contatti personali tra persone e comunità, link professionali, creativi ed imprenditoriali, è uno dei modi per diffondere la nostra cultura e la nostra lingua in Italia.

Ogni anno ci sono più news, appaiono nuovi canali di informazione, tra i quali Internet è dominante, ovviamente. Il Web è ora uno dei fattori del progresso sociale e culturale e detta i nuovi principi della comunicazione umana. È meraviglioso che oggi abbiamo la possibilità di una distribuzione così grande di valori culturali e artistici. Ciò è dovuto principalmente al fatto che Internet, come canale di comunicazione, può fornire informazioni culturali a qualsiasi parte del nostro pianeta.

 

Roma Fashion Week

 

Quanto è importante secondo voi utilizzare i social network per promuovere le attività del centro?
Instagram e Facebook sono ora uno spazio informativo in cui le persone trascorrono molto tempo, forse anche troppo. Garantiscono la tempestività e l’efficienza del trasferimento delle informazioni, infine la “modalità in tempo reale” attenua la differenza di orario e crea quindi nuove condizioni per la comunicazione.

Il sito web del Centro russo di scienza e cultura a Roma è ufficiale e rappresentativo. Su di esso è possibile trovare informazioni dettagliate sulle nostre attività, in ogni annuncio e notizia al lettore vengono forniti i dati completi. I social network sono un altro mezzo di comunicazione più veloce, se si esagera con il testo, si può perdere il pubblico. Qui occorre prestare più attenzione, prima di tutto, alla visualizzazione di ciò che stiamo facendo e di ciò che offriamo al pubblico.

Il contenuto dovrebbe essere luminoso, con tante foto e video.

Un enorme vantaggio dei social network è la loro interattività. Non solo possiamo pubblicare informazioni, ma anche ricevere feedback istantanei dai nostri follower, ascoltare le loro opinioni, partecipare alle discussioni. L’opportunità offerta dai social network di entrare nella “trasmissione dal vivo” è eccellente, grazie a questa i conoscitori della cultura russa in qualsiasi parte del mondo possono ascoltare una conferenza o un concerto, partecipare a una presentazione di un libro o all’apertura di una mostra.

 

Concerto per Il giorno dei Cosmonauti

 

Parlaci del ramo virtuale del “Museo Russo”.
“Museo Russo: Ramo Virtuale” è un progetto internazionale che è stato implementato dal 2003 e incarna l’idea dell’accessibilità alla più grande collezione di arte russa per il più ampio pubblico al di fuori di San Pietroburgo, attraverso la creazione di centri di informazione e di istruzione in Russia e all’estero.

I visitatori della nostra biblioteca hanno accesso a tale centro. Il portale consente di accedere alla collezione del Museo Russo, la più grande collezione di arte nazionale. Fare una passeggiata attraverso le sale del palazzo, visitare mostre reali e virtuali, nonché conoscere progetti innovativi del museo: il Centro multimediale nel Corpo occidentale del castello Mikhailovsky, la conferenza online, la “Realtà aumentata nel Museo Russo” e altri.

La biblioteca multimediale del Ramo Virtuale completa sostanzialmente i materiali del Centro russo sull’arte e la cultura russa.

Nella nostra biblioteca è aperto l’accesso gratuito agli e-book per tutti i visitatori nell’ambito del progetto “LitRes: Biblioteca”. Grazie a questo servizio, i lettori possono leggere gratuitamente 150.000 nuovi prodotti, best-seller e classici russi sui loro dispositivi.

Per iniziare a leggere libri, si deve contattare la biblioteca (anche solo chiamandoci) che creerà la tessera della biblioteca elettronica, dopodiché si riceveranno login / password personali.

 

Il Concorso internazionale giovanile online di opere scientifiche e creative “Horizon-2100” è stato annunciato sul vostro sito web, qui le giovani generazioni presentano la loro visione del futuro nell’anno 2100 sotto forma di un articolo scientifico o di un saggio di fantascienza. Quali sono le vostre previsioni sul Centro russo di scienza e cultura a Roma nel 2100?
Lasciatemi sognare un po’ su questo. Quando ti fanno domande su orizzonti cosi lontani, di quasi 80 anni, pensi: “Ma cosa immaginavano i nostri padri e nonni 80 anni fa, che tipo di futuro vedevano?”. Certo, nessuno pensava che avremmo vissuto in Russia, e che il mondo sarebbe diventato quello che è adesso.

Nel 1961 ebbe luogo il primo volo umano nello spazio, la gente si aspettava che fossimo già entrati nell’era spaziale e l’umanità potesse dare una mano all’esplorazione di pianeti e satelliti vicini, delle stelle, delle galassie. Tutti guardavano al futuro con speranza e fede.

La storia dell’uomo, come specie, ha circa 2,5 milioni di anni, dei quali solo negli ultimi 170 anni la società ha cessato di essere agraria. Secondo me, durante questo periodo storico, si sono verificati più cambiamenti tecnologici e sociali che nell’intera storia precedente dell’umanità. Quindi, quando pensiamo a cosa accadrà nei prossimi 80 anni, temo che anche le ipotesi più selvagge divergeranno dalla realtà.

Vorrei solo esprimere la speranza che i nostri successori, amici, figli e nipoti, come noi, guardino al nostro futuro con la stessa speranza e lo stesso zelo di come hanno fatto i nostri padri nel passato.

 

Masha Ruzova

Sono un appassionata dell’arte in genere e nello specifico sono un art director da oltre 7 anni con skill sull’event designer.
Attualmente vivo a Roma e collaboro con più realtà ma, come si evince dal mio nome, la mia casa è Mosca! E, dunque, sono Russa. Ho studiato presso la Moscow State Straganov Academy of Industrial and Applied Arts. Il resto di me lo scoprirete seguendomi (se vi va)... Privet!

Il Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma è aperto dal 2011. La sede del Centro si trova nel Palazzo Pasolini dall’Onda.

Gli scopi principali del Centro russo:
•   conservazione dello spazio russofono nella zona appenninica e nelle isole, Sicilia e Sardegna;
•   rafforzamento dei legami bilaterali Russia-Italia nella sfera culturale e umanitaria;
•   promozione dei contatti e della collaborazione nell’ambito della scienza e dello sport;
•   sostegno dei connazionali russi residenti in Italia;
•   collaborazione con le organizzazioni pubbliche e non-governative;
•   supporto informativo rispetto alla politica estera ed interna della Russia;
•   il Centro svolge la sua attività in stretta collaborazione con l’Ambasciata della Federazione  russa in Italia;
•  vi informiamo che il Centro Russo di Scienza e Cultura non si occupa dell’organizzazione di concerti, esposizioni ed altri eventi per conto terzi con il successivo pagamento all’interessato ma prende in considerazione la possibilità di abbinare un’eventuale iniziativa ad un evento già programmato dalla direzione del centro a titolo gratuito.

Le attività:
•   corsi di lingua russa, di storia e letteratura russa
•   mostre, concerti, presentazioni
•   conferenze, seminari, tavole rotonde
•   festival e rassegne cinematografiche
•   biblioteca
•   mediateca

Il Centro russo di scienza e cultura (RZNK) a Roma si trova in una delle zone più prestigiose della città: accanto alla famosa Piazza Campo dei Fiori e vicino alla zona archeologica del Teatro Argentina. Il Centro occupa la metà del primo piano del Palazzo Santacroce (XVI secolo, architetto Carlo Maderno). La parte di rappresentanza del Centro è fatta nelle migliori tradizioni dello stile barocco con gli affreschi di soffitto. Il Centro dispone della Sala grande per concerti, di sale per incontri riservati, di tre sale per mostre, della biblioteca, della classe per la lingua russa, della sala riunioni e la zona uffici.