Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Kassandra Mauren: la prima “sirena” italiana

Ad essere una sirena non si insegna, basta ascoltare il proprio cuore.

Rubriche, Yoga & Oroscopo di Miriam Bendìa

19 agosto 2019

Un nuovo sport sta conquistando sempre più appassionati, in tutto il mondo: il mermaiding, nuotare come una sirena. No, non è l’ultima mania del fitness ma, spesso, è un sogno che diventa realtà: per chi lo pratica e per chi lo ammira.

Kassandra Mauren, la prima sirena italiana professionista (certificata e riconosciuta), ci racconta come ha realizzato il suo desiderio di bambina.

 

Kassandra Mauren | Ph Carlo Tosti
Kassandra Mauren | Ph Carlo Tosti

 

Che cos’è una sirena e che cos’è una sirena per te?
La letteratura, soprattutto quella mitologica, e i media ci hanno fornito molte descrizioni delle sirene: da creature ammaliatrici a letali e terrificanti, con le ali e artigli, o (la più diffusa al giorno d’oggi) con squame e pinne pronte a divorare gli incauti marinai oppure colorate e gioiose mentre cantano allegre canzoncine.

Per me una sirena è più una condizione del cuore: è andare in vacanza e sapere che non è vacanza senza fare il bagno, è trasferirsi in una nuova città e sapere che se non c’è il mare in quel posto poco ci vorrai restare.

Aprire le finestre la mattina e percepire l’odore dell’acqua salmastra, andare in barca a vela e sentirsi rigenerata solo dalla carezza della brezza del mare…

Insomma non importa se hai la coda o la voce cristallina, ma se hai un anima che anela sempre al mare.

 

Kassandra Mauren | Ph Alessandro Agnellini @ Littlelambs
Kassandra Mauren | Ph Alessandro Agnellini @ Littlelambs

 

Quando e come hai iniziato a sognare di diventare una sirena?
Ho desiderato essere una sirena sin da quando ne ho memoria, quindi si può azzardare a dire da tutta la vita?

Penso che complice di questo sia stata la grande influenza esercitata da favole come “Una Sirena a Manhattan” o la celebre “Sirenetta” per citarne alcune…

Ma più incisivo credo sia stato il fatto che sono nata e cresciuta sul mare e, fin da piccola, sono sempre stata più felice di farmi cullare dai flutti (non immaginate le tiritere per farmi tirare fuori dall’acqua dai miei genitori!) piuttosto che giocare con le bambole.

Motivo per cui è stato qualcosa di naturale, quasi come se fossi nata per quello.

 

Kassandra Mauren | Ph Antonio Continanza
Kassandra Mauren | Ph Antonio Continanza

 

Esiste una scuola per diventare sirena?
Una scuola vera e propria non esiste, ma il consiglio che posso dare è di intraprendere un buon corso di nuoto (è meglio essere dei forti ed esperti nuotatori).

E, successivamente, conseguire almeno il primo livello per il brevetto da sub, in modo da conoscere tutte le regole riguardanti la sicurezza durante un immersione perché non si è mai troppo prudenti! Soprattutto quando si lavora in acqua con i bambini bisogna essere maggiormente responsabili.

Ricordate inoltre di rispettare sempre la prima regola delle immersioni: mai scendere da soli!

Per il resto, ad essere una sirena non si insegna, basta ascoltare il proprio cuore e se ha pinne e squame, allora saprete di appartenere al popolo del mare.

 

Kassandra Mauren | Ph Iccio.fa
Kassandra Mauren | Ph Iccio.fa

 

Realizzi tu i tuoi splendidi costumi?
Sì, interamente: mi occupo del concept e della scelta dei colori sino alla lavorazione totale.

I materiali sono costosi e maneggiarli richiede una conoscenza dal punto di vista chimico molto approfondita.

Devi sapere esattamente con cosa stai lavorando, come funzionano e che caratteristiche fisico-chimiche hanno. Altrimenti, oltre a ritrovarsi alla fine con una coda di scarsa qualità e durabilità nel tempo, questi materiali possono rivelarsi molto nocivi per te che li lavori e per l’ambiente.

Inoltre mi richiede molto tempo realizzare una coda, sia per rispettare le caratteristiche dei materiali, sia perché realizzo ogni singolo pezzo completamente da sola e a mano.

Anche solo per disegnare i primi bozzetti alle volte posso impiegare diversi giorni, siccome li perfeziono finché non arrivo ad un risultato che mi piaccia e mi renda pienamente felice (e soddisfatta).

 

 

Come reagiscono le persone quando ti incontrano nei panni di sirena?
La maggior parte di loro è molto entusiasta (sia i grandi che i bambini), il che, lo confesso, mi stupisce sempre!

Infatti generalmente si tende a pensare che la mia figura sia adatta esclusivamente ai più piccoli, perdendo completamente di vista il fatto che anche a noi adulti piaccia sognare e stupirci per le piccole cose.

 

Kassandra Mauren | Ph Alessandro Lenzini
Kassandra Mauren | Ph Alessandro Lenzini

 

Esiste un ruolo simile anche per i ragazzi?
Certamente! Il popolo di Atlantide è composto sia da sirene che da tritoni.

Quest’ultimi sono forse più rari, probabilmente per il comune pensiero che essere una sirena sia solo una cosa da ragazze, ma in realtà non è affatto così…

Basta solo avere un pizzico di coraggio per vivere il proprio sogno con le pinne!

Se siete incerti sul dove e come iniziare potete scrivermi, sarò più che lieta di consigliarvi e magari, chissà, per i più temerari anche indirizzarvi verso la vostra prima coda.

Mi trovate su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube.

 

Kassandra Mauren | Ph Isabel Viele
Kassandra Mauren | Ph Isabel Viele

 

Che tipo di lavori e performance ti vengono proposte?
Le performance sono davvero di carattere molto differente e vanno in base alle esigenze del cliente: si spazia dagli avvistamenti in barca, a presenziare ad eventi pubblici, nuotare in una vasca durante sfilate, meeting o feste aziendali, servizi fotografici, interventi in trasmissioni televisive e qualsiasi altra cosa possa venire in mente…

In generale il cliente (che sia un privato o una società) ci contatta chiedendo la nostra presenza e noi organizziamo la perfomance più adatta per lui e per il suo evento.

 

Kassandra Mauren
Kassandra Mauren

 

Tieni dei corsi di Mermaiding? Se sì, che tipo di allievi li frequentano?
Attualmente non sono coinvolta in alcun corso di mermaiding, ma ne esistono diversi, in tutto il mondo, di differente durata e difficoltà, quindi si può pensare di frequentarne uno anche durante una semplice vacanza.

Gli allievi sono di tutti i tipi: bambini, bambine e anche adulti; insomma questa è un attività che si adatta davvero a tutte le età.

 

Kassandra Mauren | Alessandro Agnellini @ Littlelambs
Kassandra Mauren | Alessandro Agnellini @ Littlelambs

 

Il tuo sogno di diventare sirena lo hai realizzato, ce ne puoi raccontare un altro?
Un sogno che ho da sempre nel cassetto è quello di poter fare la differenza.

Da quando sono sbarcata anche sui social, piano piano ho cercato di sensibilizzare le persone a prendersi cura del nostro pianeta, specialmente del mare e delle creature che lo popolano, tenendo piccola rubrica che attraverso immagini e piccole curiosità raccontava come comportarsi nel rispetto del nostro ambiente.

Adesso continuo a farlo durante le apparizioni pubbliche o in televisione, ma il sogno è quello di poter raggiunge audience più grandi e diffondere questo messaggio su larga scala.

 

Miriam Bendìa

Miriam Bendìa

Tra un viaggio e l’altro, vive a Roma.
Ha scritto un pugno di libri.
Come Philippe Daverio, sostiene che la vita con l'arte talvolta migliora l'arte della vita.
Sogna molto, la notte. E ha imparato, al risveglio, a fidarsi delle proprie visioni oniriche.
Da grande – dice – sogna di fare la scrittrice.
Miriam Bendìa

 

Kassandra Mauren è la prima sirena italiana professionista, certificata e riconosciuta.
CMAS Patented, Underwater Model-Performer.
Nata sulla costa e cresciuta cullata dal Mar Ligure, si avvicina al nuoto all’età di 2 anni ed entra nel mondo dell’agonismo qualche anno più tardi. Durante l’adolescenza consegue il brevetto da bagnino e, a 18 anni, scopre la sua vera vocazione sotto la superficie del mare passando alla pratica dell’apnea e conseguendo il brevetto CMAS. Nel contempo intraprende la carriera da modella e attrice in parallelo a quella universitaria in chimica. Il 2011 è l’anno che segna l’inizio della sua avventura da sirena, nel 2014 fa la sua prima apparizione in TV e da lì in poi continuerà con la partecipazione a diversi eventi pubblici di nota importanza e recitando in alcuni corti di produzione indipendente tra i quali “Delitto sulla Levanto” che ha debuttato al cinema.
Nel tempo libero ama ascoltare la musica, allenarsi, andare a cavallo e leggere.

 

sirenelifestyle: «Il Mermaiding è una disciplina completa, che se praticata con costanza e dedizione regala un alto grado di armonizzazione fisica, emotiva e mentale, un aumento della consapevolezza e autostima. Dona fluidità ed eleganza dei movimenti anche al di fuori dell’acqua, l’occasione di liberarsi da blocchi e paure. Per molti può diventare uno stile di vita, un’espressione artistica del corpo e della mente. L’occasione di vivere il sogno trasformandosi in una sirena o un tritone, esseri mitici capaci di vivere in armonia con se stessi e in simbiosi con l’ambiente nel quali sono immersi.
Nuotando sott’acqua, in assenza di rumori esterni, immersi, cullati e accarezzati dal mare, in ascolto solo del proprio respiro e battito del cuore, ci si riconnette con se stessi nel rispetto della propria natura. È questo il grande dono che arriva dalla pratica del Mermaiding. Adatto a tutti e a tutte le età. Per praticarlo sono necessari solo un po’ di acquaticità e il desiderio di vivere il mare con rispetto e amore.»