Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Joaquin Phoenix, il nuovo Joker che fa impazzire il pubblico

Un capolavoro che va visto, che voi siate contrari o favorevoli alla sua vittoria a Venezia.

Film, Rubriche, Seconda Colazione di Margian Laganà Ghadimi

12 settembre 2019

Joaquin Phoenix alla 76° MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

Il Joker, con Joaquin Phoenix, è un film da proiettare alla Mostra del Cinema di Venezia?
Secondo noi, sì.
Nonostante la fama della Biennale a mostrare solo temi d’élite, che non arriverebbero tanto facilmente ad un pubblico generico, quest’anno Joker non solo è stato inserito, ma ha anche vinto il Leone D’Oro per il miglior film.

 

Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix

Joaquin ha stravolto e sorpreso tutti. Non solo per la sua presenza al red carpet dove, facendosi inizialmente desiderare, si è poi diretto verso i suoi fan elargendo autografi e sorrisi. Ma ha sconvolto anche il parere degli esperti del cinema.

Con il Joker, infatti, la sua esibizione ha dato vita ad un personaggio che vediamo da anni, ma che non abbiamo mai veramente conosciuto.

Todd Phillipps, regista del film, ha presentato una versione del Joker che può definirsi tranquillamente un film d’autore.
Il Joker si spoglia dell’eccentrico e del surreale per mostrarsi a noi come un essere umano devastato.
Dimenticate i combattimenti e le vendette rivolte a Batman e preparatevi a scoprire il lato più doloroso di un uomo distrutto.

 

 

Joker

L’animo umano, fragile e intenso nella sua debolezza, si mostra a noi in tutta la tristezza grazie ad un Joaquin impeccabile.

Il Joker che appare ai nostri occhi è un uomo. Non un personaggio. Una vittima del dolore della condizione umana.

Tutta la tagliente crudeltà della sua situazione si riversa sullo schermo e sul pubblico.

 

 

Joker non è più un clown psicopatico che gira per le strade di Gotham, ma una vittima del sistema che decide di alzare la testa e di mostrarsi al suo carnefice: la società.

Un capolavoro che va visto, che voi siate contrari o favorevoli alla sua vittoria.
Uno studio psicologico che rimane impresso nella mente e che angoscia l’animo.
Un Joaquin Phoenix che supera se stesso, ancora una volta.

Margian Laganà Ghadimi

Margian Laganà Ghadimi

MARKETERs e Feeler.
Scrive cose e ne legge altre. Sogna di spender tutti i suoi soldi su Amazon e di vivere tra scaffali di libri. In attesa di riuscire a costruirsi la sua libreria ideale, riempie wishlist e pianifica cose.
Nel tempo libero si dedica alla Seconda Colazione, qui e sul suo blog, perché la prima non soddisfa mai completamente e gli stream of consciousness hanno bisogno di uno spazio dove scorrere liberi.
Margian Laganà Ghadimi