Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Non è mai troppo tardi per imparare il vero amore (e tornare bambini)

Frozen II ci regala un viaggio nel passato e nella memoria di Elsa e Anna.

Film, Just Viewed, Rubriche di Noemi Chianese

15 novembre 2019

Tutti sanno fin troppo bene che non sempre i sequel sono una buona idea.

Molto spesso non aggiungono niente di importante alla storia oppure rovinano completamente l’atmosfera che il primo film ha creato e le sensazioni che ha fatto provare agli spettatori.

Non è però questo il caso di Frozen II che si guadagna dignitosamente il suo badge di sequel riuscito.

È sempre bello rivedere dei personaggi che abbiamo amato, soprattutto se ci hanno fatto divertire e se ci hanno commosso come hanno fatto Anna, Elsa, Olaf, Kristoff e Sven.

Il secondo capitolo di Frozen si è fatto aspettare, ma lo ha fatto giustamente perché non si dovrebbe mai mettere fretta al processo creativo soprattutto per un prodotto così delicato come il sequel di uno dei cartoni animati più amati di sempre.

Il primo Frozen presentava già un lieto fine che sarebbe potuto bastare all’immaginario collettivo ma, se si trova la giusta strada e abbastanza materiale, perché non continuare ad esplorare le possibilità di una storia? È questo quello che fanno i registi Jennifer Lee e Chris Buck con il secondo capitolo.

Il loro obiettivo è mostrarci innanzitutto come Anna ed Elsa siano cresciute e maturate dopo la loro prima avventura e quanto il loro rapporto si sia rafforzato da allora.

Anna è fortemente attaccata alla sorella, quasi a livello paranoico, ma probabilmente questo è dovuto alla lontananza che ha dovuto soffrire per tanti anni.

Il rapporto con Kristoff è uno dei più genuini e naturali che abbiamo mai visto in un cartone Disney.

Nonostante le due sorelle siano le protagoniste e il focus dell’intera storia, Kristoff riesce a ritagliarsi uno spazio per sé che ce lo fa amare ancora di più, con la sua goffaggine, il suo coraggio e il suo smisurato amore per Anna.

 

Frozen II - Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved
Frozen II – Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved

 

La nuova avventura comincia da quando Elsa inizia a sentire una voce che sembra chiamarla e per scoprire da dove questa voce venga, ricorda una vecchia storia che il padre era solito raccontare a lei e alla sorella.

Da bambino il padre era stato portato al di là delle montagne, nella Foresta incantata dove gli spiriti della Natura che rappresentano i quattro elementi, ricoprivano la Foresta di magia.

Il re di Arendelle, il nonno di Anna ed Elsa, era lì con il figlio per festeggiare un accordo tra loro e gli abitanti della Foresta, ma qualcosa andò storto e ci fu una battaglia da cui solo il piccolo principe si salvò grazie a qualcuno di misterioso. Da allora la Foresta era stata ricoperta da una fitta nebbia e nessuno era riuscito ad entrare o uscire.

Risalire alla voce e al mistero della Foresta incantata permetterà ad Elsa di scoprire l’origine dei suoi poteri e ciò che è davvero successo ai suoi genitori.

Un viaggio dunque in terre sconosciute, ma anche in tempi sconosciuti, alla riscoperta di se stessi e del proprio passato.

Quanto pesa il nostro passato su chi siamo veramente e su chi diventeremo? Quanto è importante conservare la memoria per scoprire la verità? Questi sono alcuni dei quesiti, forse un po’ filosofici, che ci vengono posti indirettamente nel film.

 

 

In realtà i registi Jennifer Lee e Chris Buck giocano con questi quesiti esistenziali grazie al personaggio di Olaf, che è “cresciuto” o maturato come crede lui, e per questo si dedica a dispensare perle di saggezza alle due sorelle.

Una delle sue perle più importanti è l’acqua ha memoria, forse perché l’acqua è l’unico elemento in Natura che somiglia ad uno specchio, ad una porta attraverso la quale possiamo vedere altri mondi o altri tempi.

In questo secondo capitolo, la Natura rappresenta un personaggio a sé, ancora di più che nel primo film dove abbiamo visto prevalentemente l’elemento del ghiaccio.

Qui tutti e quattro gli elementi dimostrano le loro molteplici facce, da quella più pericolosa e triste a quella più generosa e amichevole.

Elsa non ha paura di confrontarsi con la Natura perché sa di poterla controllare, mai però dominare.

Il suo approccio non è quello di imprigionare i poteri della Natura, ma di accoglierli, di scoprirli e farli suoi, di diventare loro amica.

Ed è forse questa una delle lezioni più belle e importanti di Frozen II, che presenta però tanti altri temi attuali, i quali rendono il film un prezioso scrigno di insegnamenti per i più piccoli… Ma anche per i grandi!

Non fa mai male ricordare che l’amore può davvero salvare il mondo e che le donne hanno coraggio e forza da vendere.

Le donne sanno amare e scegliere, sacrificarsi per la cosa giusta, sanno prendere decisioni da sole perché sono indipendenti e allo stesso tempo sanno accettare ogni aiuto possibile.

 

Frozen II - Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved
Frozen II – Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved

 

In questo secondo capitolo non c’è un Hans di turno a rappresentare il cattivo della situazione, ma forse è più qualcosa come il passato, le scelte sbagliate che hanno avuto conseguenze nel presente, ad assolvere a questa funzione.

Alcune volte scoprire la verità sul proprio passato può far male, ma altre volte è necessario scavare in profondità, buttarsi a capofitto nel burrone più profondo per poter risalire in superficie e risanare le ferite passate.

Anna ed Elsa imparano quindi un’altra lezione fondamentale e noi con loro. Le due sorelle sono dei personaggi più che mai naturali, con i loro difetti, paure e insicurezze ma anche con il loro coraggio ed il loro amore.

Non sembrano regine se non quando si preoccupano di fare la cosa giusta per il loro popolo e non hanno bisogno di nessun principe ma solo di qualcuno che offra loro il vero amore.

 

Frozen II - Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved
Frozen II – Il segreto di Arendelle | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved

 

A coronamento di una storia piena di azione, di lezioni importanti e piccole perle di saggezza, ritornano le canzoni e le voci dei nostri personaggi che in italiano sono doppiati magnificamente, soprattutto da parte di Serena Autieri (voce di Elsa) e Serena Rossi (voce di Anna), le quali regalano delle performance da brividi.

Forse la colonna sonora non ci rimarrà in mente come la prima, con la famosissima “Let it go”, e forse le canzoni avranno bisogno di un secondo ascolto per essere veramente apprezzate, ma anche questo cambiamento rispecchia la nuova maturità dei personaggi, che stanno ancora imparando a crescere e a prendere la strada migliore.

Un ulteriore apprezzamento va fatto ai costumi e agli effetti speciali che in questo film si sono magnificamente superati e che hanno un ruolo importante nell’economia della storia.

Possiamo quindi affermare che la magia di Arendelle è tornata in tutto il suo splendore e che l’amore che questi personaggi ci continuano a dimostrare serve da lezione per ognuno di noi, senza limiti di età.

Non è mai troppo tardi per imparare ad apprezzare l’amore famigliare e mai troppo tardi per guardare al mondo con un minimo di fede in più.

 

Noemi Chianese

Noemi Chianese si è laureata in Lettere Moderne all’Università di Tor Vergata e frequenta il corso di Editoria e scrittura all’Università La Sapienza.
Con tutta probabilità la passione per il cinema è nata quando era ancora nel grembo materno e, da allora, si è espressa in lunghe file ai red carpet, film fino a tarda notte e poster che tappezzano la sua camera.
Il sogno è quello di stare dietro le quinte dove avviene tutta la magia, dove viene soddisfatta ogni curiosità e dove si può trovare il miglior posto in sala.

Cover: Elsa in Frozen II – Il segreto di Arendelle, Idina Menzel è la voce di Elsa | Walt Disney Animation Studios’ “Frozen 2” © 2019 Disney All Rights Reserved

 

Frozen II – Il segreto di Arendelle: regia di Jennifer Lee e Chris Buck.
Con: Idina Menzel, Kristen Bell, Jonathan Groff, Josh Gad.
Titolo originale: Frozen II.
Genere: animazione, musicale, commedia.
Durata: 103 min.
Paese di produzione: Stati Uniti d’America.
Uscita italiana: 27 novembre 2019.

 

Alla conferenza stampa di Roma, con Just Baked.