Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

“#AnneFrank. Vite parallele”: replica in contemporanea nazionale

Oggi, al cinema, per non dimenticare.

Film di Daniele Votta

23 Novembre 2019

Un film da vedere con i propri figli, prima che la memoria venga cancellata: appuntamento al cinema per il pomeriggio di oggi, sabato 23 novembre, per non dimenticare la storia di Anne Frank.

Dopo aver raccolto nelle sale circa 30mila spettatori in tre giorni, posizionandosi sul podio dei film più visti, torna al cinema #AnneFrank. Vite parallele.

Il docu-film scritto e diretto da Sabina Fedeli e Anna Migotto, con la colonna sonora di Lele Marchitelli, prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in partecipazione con Rai Cinema e in collaborazione con l’Anne Frank Fonds di Basilea e il Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa, sarà riproposto nelle sale italiane.

La replica è ideata come un appuntamento pensato per tutti coloro che non sono ancora riusciti a vedere il film, ma anche per tutti i genitori che vorranno proporne la visione ai propri figli.

I media partner del progetto sono Radio Capital e MYmovies. L’evento è patrocinato da UCEI, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

 

 

In occasione dell’uscita del docu-film, è attivo anche il profilo Instagram @CaraAnneFrank:

come Kitty contemporanee, tutti noi possiamo parlare ad Anne e alle altre testimoni raccontando loro i nostri pensieri e le nostre emozioni sul tema della memoria.

È questo l’invito rivolto a studenti e lettori in occasione dell’uscita in sala di #AnneFrank. Vite Parallele, che si prefigge di mettere nuovamente in luce l’assoluta contemporaneità del messaggio e delle testimonianze di Anne, Arianna, Sarah, Helga, Andra e Tatiana come strumento per decifrare il mondo attuale e come antidoto contro ogni forma di razzismo.

È stato inoltre ideato un progetto specifico che prevede la programmazione di speciali matinée al cinema dedicate alle scuole (per prenotazioni: Maria Chiara Buongiorno, progetto.scuole@nexodigital.it, tel 02 805 1633).

Daniele Votta