Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Creare un piano di comunicazione digitale efficace in 3 step

È inutile pagare per allargare la buca da golf se non si è poi capaci di colpire la pallina…

Quora in pillole, Rubriche di Valentina Tosi

16 dicembre 2019

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con esperti che partecipano attraverso contenuti di qualità.

Nella rubrica Quora in pillole propongo ogni mese le risposte più interessanti, su tematiche che spaziano dal marketing alla comunicazione, dalla tecnologia fino all’arte e alle esperienze personali.
Se vuoi condividere le tue conoscenze o fare domande, iscriviti su it.quora.com.

 

La domanda di oggi:

è possibile creare un piano di comunicazione digitale efficace, senza ricorrere agli sponsored post?

 

Risposta di Davide Righele, Self Entrepreneur | Progress Marketer.

 

Photo by Capturing the human heart. on Unsplash
Photo by Capturing the human heart. on Unsplash

 

Nessun piano di comunicazione è creato esclusivamente per essere sponsorizzato.

Un piano di comunicazione, come dice il nome stesso, serve a “comunicare qualcosa”, a prescindere dai mezzi utilizzati.

 

Immagina un piano di comunicazione come un viaggio con relativi punti di partenza e di arrivo.

Siamo noi che possiamo decidere cosa fare: farselo a piedi ma gratuitamente oppure pagare un biglietto dell’autobus per arrivare il prima possibile.

In ogni caso arrivi a destinazione, ma a cambiare sono tempi e costi.

 

Allo stesso modo un piano di comunicazione può sempre arrivare al traguardo, ma sei te che decidi quanto semplificarti la vita; e sappi che pagare non è per forza il metodo migliore!

 

Photo by tsg pixels on Unsplash
Photo by tsg pixels on Unsplash

 

Puoi pure investire 100€ per ogni visualizzazione, ma se non sei in grado di coinvolgere un utente e rientrare nell’investimento tanto vale spendere nemmeno un centesimo.

 

Quindi gli step sono:

  • Progetto un piano di comunicazione in modo da essere costante ed efficiente;
  • Creo i contenuti rispettando tutte le linee guida;
  • Scelgo se investire qualche soldino per sponsorizzare i miei post.

Ma mai il contrario!

 

È inutile pagare per allargare la buca da golf se non si è poi capaci di colpire la pallina…

 

Valentina Tosi

Vive a Mountain View (California) dove riveste il ruolo di Head of Community Relations per l’Italia, in Quora. Valentina si è unita all’azienda nell’aprile del 2017 e si è occupata del lancio di Quora in Italiano, dopo aver lavorato a Google come Territory Manager per l’America Latina. Da quando si è trasferita in Silicon Valley, nel 2011, ha rivestito ruoli simili in altre aziende hi-tech. In precedenza ha vissuto a Barcellona, dove ricopriva il ruolo di Country Manager in una start-up del settore software as a service. Laureata in Lingue e Cultura per l’Impresa all’Università di Urbino, è nata e cresciuta a Gatteo Mare, in Romagna.
Valentina Tosi

 

Cover Photo by Wolfgang Rottmann on Unsplash

 

Davide Righele:
«Mi occupo principalmente della gestione Web e Social Network dell’azienda per cui lavoro, focalizzandomi su siti web e pagine Social.

Nel tempo libero mi dedico alla scrittura di articoli per il mio blog, nel quale tratto di strategie e tecniche per chiunque volesse avviare una propria attività, sia sotto forma di negozio locale sia come piccola azienda.

Non sono un guru, e nemmeno uno che ti vuole insegnare la formula magica per raggiungere l’Olimpo (o il Valhalla, non ha importanza).

Il mio unico obiettivo è quello di condividere ciò che so perché la vita è troppo breve per tenersi tutto ciò che si impara.

Puoi trovare altre informazioni su di me su Google (sì, abito a Schio, ma no, non no rubato una falciatrice come riporta un quotidiano che appare sempre come primo risultato).

So benissimo che ci sono persone più esperte e brave di me ma voglio sempre metterci la faccia, esprimere le mie opinioni ma senza offendere nessuno, condividere il sapere con gli altri ed ottenerne altrettanto in cambio.

È così che si cresce, no?»