Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Irie Roots: i racconti dell’Henné

Non siamo noi a raccontare storie attraverso l’henné, è lui che ci racconta le sue storie.

Rubriche, Yoga & Oroscopo di Miriam Bendìa

28 dicembre 2019

La body art è l’accessorio più bello e originale che possiamo scegliere per la nostra pelle.

 

Irene Tamantini (aka Irie Roots), nata sotto il segno del Leone, è da sempre appassionata dell’India, dei suoi colori, profumi, suoni come se in un tempo remoto ci fosse già stata. Esegue mendhi indiani e henna nord africani con pasta naturale al 100%.

 

Irie Roots - henné sui piedi

 

Come e dove nasce la tradizione dell’henné?
«Il rituale di decorazione con Henné viene praticato in molte parti del mondo, dai deserti del nord Africa, ai villaggi dell’India del nord, passando per il Medio Oriente.

Le prime tracce di Henné risalgono agli antichi egizi, ma non si sa con certezza quando questa pratica ebbe realmente inizio.

Fin dai tempi più remoti l’Henné è stato utilizzato per colorare capelli e unghie, per curare malattie della pelle, per decorare mani e piedi e come talismano protettivo per la persona che lo indossa e per tutta la sua famiglia.

Si pensa che sia un dono portato in India dall’Egitto.

La pratica Mehndi (parola indiana che sta ad indicare decorazioni temporanee realizzate con henné) prende il nome dalla Mehndi party, festa di addio al nubilato indiana, che si celebra un paio di giorni prima del matrimonio e vede coinvolte le donne della famiglia, le quali verranno decorate per il grande giorno.

Sia in nord Africa che in India riveste un ruolo culturale nelle cerimonie e nei riti.»

 

Irie Roots - henné sul braccio

 

A cosa serve l’Henné?
«L’Henné qui in occidente viene utilizzato come cosmetico per tingere i capelli, prevenendone la caduta e come trattamento fortificante e rivitalizzante.

In India e in nord Africa viene impiegato anche per le sue proprietà medicinali, è un antisettico e astringente, utile per curare anche ferite, ustioni e molte altre malattie della pelle, tra cui dermatiti e funghi, e per alleviare i sintomi della psoriasi.

Grazie al suo potere tintorio viene usato per realizzare affascinanti decorazioni sulla pelle e per tingere molti materiali organici, come tessuti, pelli e legno.»

 

Irie Roots - henné

 

Possiamo raccontare delle storie sulla pelle, usando l’Henné?
Quali sono i simboli tradizionali? E che significato hanno?
«Nella vita di una donna, in India, il Mehndi (pratica di decorazione con Henné) segna un rito di passaggio, un’iniziazione sessuale che la porterà a diventare donna, oltre a prepararla all’unione con un uomo.

Questa pratica è in forte connessione con il mondo femminile, con i suoi cicli. Il suo significato è, non a caso, la trasformazione.

I decori che compongono un Henné hanno diversi significati, ma è il disegno nella sua totalità ad essere di per sé un talismano di protezione e buon auspicio.

È l’atto di dipingere sulla pelle, ispirandosi alla persona che sia ha davanti, il vero rituale.

È una pratica meditativa e rilassante.

I disegni vengono realizzati a mano libera direttamente sulla pelle, senza l’utilizzo di stencil.

Alla fine di ogni seduta è divertente e affascinante interpretare i simboli che sono venuti fuori liberamente.»

Non siamo noi a raccontare storie attraverso l’Henné, è lui che ci racconta le sue storie.

 

Irie Roots - henné sulle gambe

 

Quali benefici riceve la nostra pelle dall’Henné?
«L’Henné è un astringente, antisettico e antibatterico naturale, svolge un azione antiossidante, per cui previene l’invecchiamento della pelle.

Ha anche un effetto rinfrescante sull’epidermide.»

 

Irie Roots - henné sulle mani

 

Quali ingredienti scegli per i tuoi coni di Henné?
«Gli ingredienti che utilizzo sono le foglie di Lawsonia Inermis (nome botanico della pianta dell’Henné) fatte essiccare, macinate e ridotte in polvere finissima.

A queste aggiungo infuso concentrato di carcadè, zucchero di canna grezzo e olio essenziale di lavanda

 

Irie Roots - corso base di henné

 

Dove possiamo avere il piacere di provare l’Henné con te?
«Possiamo incontrarci, su appuntamento, per sedute individuali di decorazione con l’Henné.
Nel periodo autunno/inverno sarò disponibile a Grosseto (in Toscana) per corsi/workshop individuali di body art con Henné.

I corsi si svolgeranno presso l’Agriturismo Il Querciolo, perciò saranno disponibili ad un prezzo speciale, camere/appartamenti per chi viene da lontano.

Per info scrivetemi in privato o tramite mail su irieroots@email.it (i giorni e il programma verranno stabiliti insieme al partecipante, durata massima del corso base due giorni).

Periodicamente sono presente in altri studi di tatuaggi, principalmente in Emilia Romagna e in Toscana. Trovate gli eventi in programma aggiornati sulla pagina Facebook Irie Mehndi, oppure potete scrivermi via mail per prenotare la vostra seduta Henné.»

 

Irie Roots - henné stile calze

 

Ci sono casi nei quali è sconsigliato fare l’Henné?
«È sconsigliato fare Henné a persone affette da favismo (deficit di glucosio–6-fosfato-deidrogenasi) anche se non tutte le persone affette da questa carenza manifestano reazioni al contatto con la Lawsone, contenuta nell’Henné.

Però meglio evitare!»

 

Irie Roots - henné sulla pancia

 

Quali prodotti di bellezza possiamo usare sulla pelle, nei giorni precedenti e seguenti alla nostra seduta di Henné, per aiutarlo a restare brillante e bello più a lungo?
«È possibile idratarlo con olii naturali (tipo di mandorla o oliva) o burro di karitè.

Inoltre dobbiamo usare detergenti delicati, massaggiandolo con l’olio prima e dopo la doccia.»

 

Irie Roots - henné

 

È possibile realizzare disegni colorati? Ad esempio un Henné rosso fuoco? O uno bordeaux? O uno blu? Ecc. Sempre usando prodotti naturali…
«No, il pigmento rilasciato dalla pianta dell’Henné è soltanto di colore rosso/bruno. Anche se esistono varietà di Henné che virano dal ciliegia al violaceo.

Un Henné colorato non è un Henné naturale. Io ad esempio non uso Henné nero.

L’Hennè è un prodotto naturale che viene utilizzato per colorare i capelli o fare tatuaggi non permanenti sulla pelle, il colore che rilascia sulla pelle è rosso/bruno.

Per renderlo più scuro e ottenere una brillante tonalità nera e accelerare contemporaneamente il suo attaccamento alla pelle, si utilizzano coloranti chimici come la P-fenilendiamina (PPD), che può causare gravi reazioni allergiche della pelle e sensibilizzare permanentemente l’interessato.

La concentrazione di PPD presente nell’Henné nero tende a raggiungere il 15%, mentre il massimo consentito sulla cute è 2% – 6% quando si tratta di tinture per capelli.

I segni principali che indicano che si è affetti da una reazione allergica da PPD sono: prurito, arrossamento, gonfiore, macchie o scolorimento e persino vesciche o cicatrici. Se si visualizza uno qualsiasi di questi sintomi, si dovrebbe consultare immediatamente un medico.

Se volete fare un tatuaggio con Henné naturale, verificate che non sia adulterato con altri coloranti.

 

 

Come riconoscere l’Henné naturale:

  • Il colore della polvere. L’Henné naturale ha un colore verdastro.
  •  Il colore del tatuaggio. L’Henné naturale macchia la pelle di un tono bruno-rosso, se il colore è nero stanno usando Henné nero (PPD).
  • Con Henné naturale, il processo di pigmentazione della pelle richiede almeno 3 ore. Pertanto, se ci viene detto che possiamo rimuovere la pasta appena dopo un’ora dopo l’applicazione, sarà perché è Henné nero.

*P-fenilendiammina (PPD) è un colorante che viene aggiunto per l’Henné naturale per scurirlo e può causare gravi reazioni allergiche.»

 

Irie Roots - henné per Just Married

 

Ci racconti come si svolgono i tuoi corsi?
«La prima cosa che faccio ai miei corsi, sono le presentazioni.

Queste mi aiutano a capire quali sono i canali che dovrò approfondire, mi piace anche individuare le inclinazioni di ognuno, per avvicinarlo il più possibile a quello che sarà il suo stile.

Con i miei corsi provo a tramandare una tradizione millenaria, cercando di rispettare il più possibile la cultura di appartenenza, ma senza porre limiti, lasciando i partecipanti liberi di interpretare e mettere qualcosa di sé in questa pratica… Come è stato finora.

Durante la prima giornata teorica/pratica si affrontano gli aspetti storici e i significati della tradizione, poi si prende parte al laboratorio di preparazione della pasta di Henné, dove si assiste alla produzione dell’Henné fase dopo fase e dove ogni partecipante realizzerà il proprio cono di Henné.

Nella seconda giornata, attraverso un percorso di disegno che parte dalle basi, si inizia a familiarizzare con lo strumento cono di Henné, con cui si sperimenta, guidati passo dopo passo, in un percorso di disegno in stile Mehndi, fino alla realizzazione di un progetto personale su pelle.»

 

Irie Roots - henné sasso

 

E le tue tele/creazioni? Quando hai iniziato a realizzare anche oggetti d’arte con l’Henné e dove trovi l’ispirazione?
«Ho iniziato a decorare oggetti da subito. Tanta era la smania di disegnare mehndi.

In mancanza del supporto “pelle” decoravo oggetti in legno, tessuti, carta, porcellane, muri…

Solo in un secondo momento ho iniziato a pensare alle tele come supporto su cui poter esprimere/sfogare un idea, uno stato d’animo o un concetto.

Ad essere sincera, in principio non ho un tema da sviluppare, le mie tele sono più un’auto-terapia.

Sento il bisogno di creare, di esprimermi nell’attività di creare per poi potermi osservare da fuori, interpretarmi.

Traggo molta ispirazione dalla natura.

Adoro osservare fiori e le piante nei loro più piccoli particolari, ma trovo molti elementi decorativi interessanti, che poi elaboro, anche in oggetti di uso comune, come i cancelli delle case, porte e finestre, mattonelle di palazzi vecchi, porcellane, tessuti vari ed elementi architettonici.

Credo che il processo creativo sia in relazione con la capacità di osservazione e perciò cerco di alimentarla continuamente.»

 

Irie Roots - henné su cartoline

 

Il tuo segno zodiacale e il tuo ascendente?
«Leone ascendente Ariete.»

 

Leone Yoga & Oroscopo by Costanza Coletti Illustration

 

Ti abbiamo riservato una sorpresa molto speciale, l’oroscopo della nostra astrologa favorita Melissa Panarello…
«Irene è una fiera Leone con ascendente in Ariete, una donna quindi certamente dominata dal fuoco e circondata da quel mistero che solo una Luna in Scorpione sa dare.

Affascinante ed energica grazie a Marte e Sole in quinta casa, investe tutto il suo coraggio e la sua forza nella creatività, nelle passioni che possono sbocciare improvvise, ma possiede la costanza affinché tutti i suoi desideri vengano realizzati.

Mercurio e Venere nel segno della Vergine in sesta casa la rendono particolarmente attenta alle piccole cose, ai piccoli dettagli che non saltano subito all’occhio, ma conferiscono significato e senso.

L’interesse per la bellezza era praticamente scritto nelle stelle, ma appunto non è un interesse per gli aspetti più plateali della bellezza, ma quelli che si nascondono nei dettagli e che riescono a dare all’insieme della persona equilibrio, fascino.

Per un uomo non è certo facile avere a che fare con un temperamento così forte, un ragazzo qualsiasi rischia di sentirsi schiacciato e, preso dall’insicurezza di avere al proprio fianco una donna così determinata, potrebbe cedere al tentativo di dominarla…

Ma lei sa rimetterlo al posto proprio!»

 

 

Irie Roots – Henna artist italiana

Incontra e si appassiona all’Henné nel 2011, in seguito ad un trasferimento che la vede spostarsi dalla Toscana (terra natale) alla Romagna, regione che farà da incubatrice per quanto riguarda il suo processo creativo e il percorso artistico che intraprenderà.

In questi anni sperimenta impasti, materie prime e ricette per la preparazione della pasta di Henné.

Inizia le ricerche sul simbolismo indiano e nord africano che le permetteranno di comprendere questa pratica sotto diversi aspetti.

Collabora con artisti e creativi dando vita a tanti progetti, tra cui JustMarried di Stiletribale. Un intrattenimento per matrimoni a base di Henné e danze tribali in collaborazione con Ariel Giulia, con cui fonda l’associazione sportiva culturale Stiletribale che promuove corsi di danze tribali, yoga e body art con Hennè.

Partecipa ai mercatini della zona (Riccione, Cattolica, Pennabilli, Villa Verucchio, Misano, Rimini) proponendo i suoi decori oltre che sulle mani anche in una produzione di oggettistica a tema Mehndi.

Viene invitata in numerosi festival come il Festival dell’Oriente (a Milano e Padova), vari festival a tema olistico e feste private.

Intanto inizia ad organizzare i primi Mehndi Day negli studi di tatuaggi della provincia di Rimini e Cesena.

Nel 2015 tiene il primo corso di Body Art con Henné al Festival Oriental Emotion di Riva del Garda, di lì a poco inizierà a collaborare con varie associazioni italiane che promuovono e organizzano i suoi workshop a Roma, Bologna, Padova, Lido di Camaiore, Siena, Treviso.

Nel 2017 comincia a sperimentare e fare pratica per poter tradurre i suoi disegni in modo permanente su pelle, iniziando a tatuare. Cura una produzione di tele-visioni e oggettistica a tema.

Da due anni studia e pratica anche il classico tatuaggio ad ago.

 

Miriam Bendìa

Tra un viaggio e l’altro, vive a Roma.
Ha scritto un pugno di libri.
Come Philippe Daverio, sostiene che la vita con l'arte talvolta migliora l'arte della vita.
Sogna molto, la notte. E ha imparato, al risveglio, a fidarsi delle proprie visioni oniriche.
Da grande – dice – sogna di fare la scrittrice.
Miriam Bendìa

 

«La felicità è un vostro diritto di nascita.»
Abbiamo fatto nostro il motto di Yogi Bhajan. E tu?

Chi siamo? Miriam Bendìa, scrittrice e appassionata di Arte orientale alla ricerca dell’Iroke, Melissa Panarello, scrittrice e astrologa, Fiorenza Bartoli (Arjan Manjeet Kaur), interprete dei Tarocchi di Marsiglia e insegnante di Kundalini Yoga, Marco Falanga, fotografo e fitoterapista (Erboristeria “Tra Cielo e Terra”).

Ogni mese condivideremo oroscopo, yoga e tisane con te.

Dove? Qui.

 

«Quando un uomo felice, totalmente completo e confortevole, approccia un uomo infelice porta la felicità.
La vita è condivisione. Noi condividiamo i nostri dolori e condividiamo la nostra felicità. E se qualcuno soffre e riversiamo la nostra felicità in quella persona, la rendiamo felice.

Per questo abbiamo bisogno di chiarezza mentale. Abbiamo bisogno della forza dell’anima. Abbiamo bisogno dell’ampliamento del nostro punto di vista. Abbiamo bisogno di tolleranza. Abbiamo bisogno di coraggio.
Avete il diritto di nascita di essere felici.
La mia domanda è: “Sei felice?” Se sei felice sei meraviglioso. Se non sei felice sei inutile a te stesso.»

Un estratto della lezione di Yogi Bhajan a Los Angeles, California (11 Ottobre 1989)

 

Logo e segni zodiacali Yoga & Oroscopo by Costanza Coletti Illustration