Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Ci vergogniamo di non fare di più per salvare il mondo?

Madeleine Alizadeh alias "dariadaria" (in copertina), nella fotografia della campagna #inyourface.

Comunicazione di Susanne Vogl

12 febbraio 2020

Oggi ti racconto la storia di una donna che prova a mostrarci come ognuno di noi possa salvare il mondo… Almeno un po’!

 

Sui social network ci sono tante persone che ci mostrano come si vive una vita perfetta.

Ci fanno scoprire gli ultimi trend della moda o i loro viaggi bellissimi.

Cosi ci convinciamo che anche noi abbiamo bisogno dello stesso life style, della stessa bellezza, dello stesso consumismo.

Ma (per fortuna) ci sono anche delle persone che criticano il consumo irresponsabile e si impegnano per la responsabilità che abbiamo verso il nostro mondo.

Una di quelle che provano a sensibilizzare gli altri, attraverso questo modo di comunicare, è l’influencer Madeleine Alizadeh alias dariadaria: la puoi ammirare (in copertina) nella foto della campagna #inyourface di ocean.now.

La campagna è stata creata per rafforzare la consapevolezza della gravità dell’inquinamento che causiamo con la micro plastica.

 

La plastica sulla sua faccia proviene dalle spiagge delle Hawaii e dovrebbe richiamare l’attenzione sul fatto che la plastica è contenuta in tanti dei nostri prodotti cosmetici quotidiani.

 

L`influencer Dariadaria con Greta Thunberg
Ph dariadaria

 

Think about all the polluted oceans,

ha detto il fotografo mentre scattava, ci racconta Madeleine.

 

Lei viene da Vienna e ha iniziato la sua carriera come fashion blogger, alcuni anni fa su Instagram.

Quando nel 2013 sente la notizia del crollo di una fabbrica tessile, comincia a riflettere sulle proprie abitudini e inizia a concentrarsi su temi differenti.

Oggi è uno degli influencer più famosi (nei paesi di lingua tedesca) che si impegnano a favore della sostenibilità ambientale.

 

Madeleine Alizadeh al parlamento europeo
Ph dariadaria

 

Per esempio è riuscita a parlare davanti al Parlamento Europeo in merito all’evitare di produrre rifiuti e riguardo all’inquinamento ambientale.

Ha fondato la sua personale label per produrre i vestiti in un modo ecosostenibile e combatte per la fine dell’allevamento intensivo (uno dei fattori più gravi che causano il riscaldamento globale).

 

Dariadaria lotta conto l`allevamento intensivo
Ph dariadaria

 

Oltre all’impegno per la protezione dell’ambiente, si dedica anche ad altri temi importanti, come per esempio alla lotta contro il razzismo, ai viaggi sostenibili o alla body-positivity.

 

Madeleine Alizadeh è una donna che mi colpisce, ormai da alcuni anni.

Ogni giorno lei si impegna a sensibilizzare gli altri su questi temi, che sono importantissimi per la nostra società, eppure mostra che anche lei non è perfetta.

 

Ogni giorno prova a fare del mondo un posto migliore per tutti noi, però deve sopportare gli hater che non hanno niente di meglio da fare che insultarla per la sua dedizione.

 

Dariadaria nuda nella montagna
Ph dariadaria

 

Susanne Vogl

Nata nel 1997 in Germania, vicino Monaco di Baviera. Laurea in Comunicazione e Science Politiche.
Dopo un semestre all'estero (presso La Sapienza a Roma), non vuole più vivere in Germania: si è troppo innamorata della vita in Italia.
Le piace mangiare gli spaghetti alle vongole, ammirando il tramonto sul mare.
Quando non è impegnata nell'imparare la lingua italiana, è schiava della moda e del sushi.

Latest posts by Susanne Vogl (see all)

Cover Ph: Madeleine Alizadeh nella campagna #inyourface di ocean.now by dariadaria