Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Il Richiamo della Foresta

Film, Just Viewed di Daniele Votta

19 Febbraio 2020

Una storia sull’amicizia profonda e il coraggio di non abbandonarsi mai.

 

 Il film Il Richiamo della Foresta si ispira a un romanzo d’avventura dello scrittore Jack London dell’anno 1904 e racconta le avventure di Buck, un cane coraggioso e dal cuore d’oro, che non è stato sempre fortunato nella propria vita.

Il Richiamo della Foresta può anche entusiasmare gli amanti della animazione e del live-action. Il film è ricco di effetti visivi e tecniche di animazione per rendere gli animali del film fotorealistici e autentici a livello emozionale.

 

Una donna sul ghiaccio

 

Buck vive una vita tranquilla, nel 1890 in California (US). Dopo essere stato catturato e portato via dalla sua casa, Buck si trova catapultato nell’immensità dell’Alaska.

Deve affrontare una vita nuova che non aveva scelto.

Per la prima volta lui vede la neve.

 

Buck viene reclutato da una squadra di cani da slitta, di cui diventerà il leader.

Nella sua vita nuova ogni giorno è una lotta per la sopravvivenza nella natura selvaggia.

 

Buck nella sua nuova vita

 

Il produttore Erwin Stoff ha scoperto Il Richiamo della Foresta grazie a suo padre, che glielo leggeva quando era bambino.

Dal punto di vista emotivo e tematico, la nozione centrale è l’idea che una creatura innocente, che non si lascia mai abbattere dagli eventi negativi, sia in grado di tirare fuori il meglio da tutti noi.

Ogni persona viene migliorata dall’incontro con Buck e credo che questo sia un elemento incredibilmente potente dal punto di vista emotivo.

Attraverso le sue avventure Buck trova il proprio posto nel mondo e diventa padrone di se stesso.

 

Il cane Buck trova alcune persone

 

Il cane incontra alcune persone importanti che lo accompagnano nel suo viaggio verso se stesso.

Buck trova un amico in John Thornton, un eremita, interpretato da niente di meno che Harrison Ford.

La storia di Buck riflette tutte le nostre vite che ci riservano degli imprevisti, che ci distruggono o rafforzano.

Ma Buck non si arrende mai, neanche nei tempi più bui, che deve affrontare, e alla fine lui trova il posto a cui appartiene.

Simboleggia ciò, che tutti noi dobbiamo affrontare nella vita.

 

 

Daniele Votta