Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

The Walker: un film sonorizzato da Joe Strummer

Musica di Daniele Votta

23 Marzo 2020

Spread the love

È vietatissimo passeggiare, ricordatevelo bene, prendo solo in prestito il titolo che ha dato luce a questo film (mediocre).

 

Il ragazzo, all’anagrafe conosciuto come John Graham Mellor e ai più come Joe Strummer leader e fondatore dei Clash (cantautore, chitarrista, attore e conduttore radiofonico britannico), nato ad Ankara il 21 agosto 1952, ci ha regalato una perla per i posteri.

 

 

The Walker Soundtracks (1987)

 

Una sorta di concept album con ben 17 tracce, partorite da quell’animo sensibile che lo ha sempre contraddistinto (ed ascoltandolo se ne assapora la purezza genuina dell’uomo) con la sapienza ed il rigore di uno che ha dato prova di saper dirigere (anche) un orchestra, perché il disco che vi proponiamo è frutto di un lavoro corale di ben 18 musicisti.

 

soundtrack - music - film
Ph by Jad Limcaco on Unsplash

 

E pensare che di se stesso ha dichiarato :

Durante il periodo scolastico ero completamente negato per la musica. Ero convinto che soltanto degli esseri mitici, dotati di poteri superiori, potessero fare musica.

Joe Strummer

 

Proprio a scuola, nel 1964, all’età di 11 anni, Joe sentì Not Fade Away dei Rolling Stones nella sala del suo collegio situato nella campagna inglese, ed ebbe una rivelazione.

 

Ero rinchiuso in uno schifoso collegio dove mi riempivano la testa di stronzate. Per me fu come intravedere la strada della liberazione.

Vivi! Goditi la vita! Affanculo tutte le revisioni contabili di questo mondo!

Joe Strummer, 1988

 

Ma quanto attuale e potente è ancora ciò che ha affermato a se stesso: affanculo tutte le revisioni contabili di questo mondo!!

 

 

È per questa ragione che questa piccola, sciocca rubrica è nata, con l’unico scopo di renderci nel nostro piccolo utili a farvi avvicinare all’arte delle cose “semplici” e pochissimo mainstream.

 

 

Dobbiamo inventare una nuova saggezza per una nuova era.
Dobbiamo essere eterodossi, disubbidienti, eretici, pericolosi per quelli che ci hanno preceduto.

Citazione di quel gran genio di John Maynard Keynes, macroeconomista britannico tra i più influenti del XX secolo.

 

Daniele Votta