Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Non puoi controllare ciò che accade, ma come reagisci a cosa succede

Comunicazione di Susanne Vogl

2 Aprile 2020

La pratica più importante della filosofia stoica ci può guidare attraverso il periodo del Coronavirus.

 

Nella filosofia si fa differenza tra che cosa possiamo cambiare e che cosa non possiamo cambiare.

 

In tempi stressanti, è utile ricordare qualche parola di Epitteto:

Nella vita si devono identificare e separare le cose che sono sotto il controllo di se stesso e quelle che non lo sono. Quali interferiscono con le mie decisioni?

 

Ai tempi della pandemia globale c’è la possibilità di provare il “chief task in life”.

Il Covid-19 c’è in questa pratica.

 

Anche se gridassi contro la TV, non andrebbe via.

 

Neanche condannare l’origine del virus, essendo razzista, diffondendo delle teorie di cospirazione o comprando tutta la carta igienica che c’è, no, neanche compiere queste azioni ti salverà.

Neanche il non voler ammettere la gravità della situazione.

Tutte queste cose sono una perdita di tempo ed energia, che potresti usare per sostenere te e gli altri.

Non possiamo controllare l’esistenza del Coronavirus, ma possiamo indirizzare le nostre risposte alla situazione.

Ora il primo obiettivo è la riduzione dei contagi per fermare la diffusione del virus, per evitare il sovraccarico ed il crollo del sistema sanitario e delle altre infrastrutture necessarie.

Nessuno può farlo da solo, ma se ognuno si comporta nel modo giusto, possiamo fare la differenzia insieme.

 

Come ha già detto il filosofo greco Zenone di Cizio:

Il benessere è realizzato con piccoli passi, ma non è una cosa piccola.

 

calme - coronaviurs
Ph by Katrin Ray Shumakov on Getty Images

 

Le nostre scelte e le decisioni che prendiamo ora, mostrano se vogliamo combattere il virus e realizzare il benessere.

 

Ecco alcune cose che possiamo fare per raggiungere il nostro obiettivo…

  • Non incontrarti con amici e altre persone: evitare il contatto con più persone possibili. Se puoi lavorare da casa, fallo. Se sei il responsabile per degli impiegati, rendilo possibile anche per loro. In questi giorni è importantissimo ridurre i meeting “face-to-face” al minimo, lasciare le persone a casa se non si sentono bene e limitare gli incontri con i clienti allo stesso tempo.
  • Cancella e rinvia eventi che ci sono nel tuo calendario: il tuo entertainment non è la priorità ora, se comporta il rischio di diffondere il virus.
  • Impara le misure di sicurezza: lavarti sempre le mani, soprattutto prima di mangiare. Non toccarti la faccia e tossire/starnutire nel fazzoletto o nel gomito. Non dare la mani ed evita il cibo crudo.
  • Aiuta i più deboli: per esempio potresti fare la spesa per gli anziani, così non devono andare fuori casa.
  • Non visitare persone anziane o membri di famiglia: sì, ti preoccupi di loro e ti mancano, ma visitarli è rischioso per loro e per esempio per tutta la casa di riposo in cui risiedono. Anche se ti senti bene, non significa che non sei malato.
  • Non comprare come se il mondo finisse domani: le cose che compri in più, mancano agli altri che non possono rifornirsi.
supermercato - fare la spesa - covid-19
Ph by NeONBRAND on Unsplash

 

  • Lascia i farmaci a chi ne ha bisogno davvero: i medici, gli infermieri, l’autoambulanza, gli impiegati del supermercato… Loro hanno bisogno delle mascherine – tu che stai a casa – no.
  • Usa tuo tempo in modo intelligente: nessuno può prevedere per quanto tempo non potremo uscire e non vedere i nostri amici. Ma invece possiamo decidere come trascorriamo questo tempo, che non abbiamo avuto a disposizione prima. Prova un nuovo hobby, approfondisci le tue abilità nei diversi campi, leggi qualcosa che ti interessa, ma che non hai mai avuto il tempo di leggere prima. Se provassi, potrebbe uscirne una versione migliore di te dopo la quarantena.
  • Ordina solo cose di grande importanza: le catene di distribuzione sono già abbastanza sovraccaricate, per questo ordina solo cose che ti servono davvero in questi giorni.
  • Non diffondere informazioni false sul virus: invece mostra agli altri come ci si protegge il meglio dal virus.
  • Se non ti senti bene, isolati: almeno per due settimane, ti devi isolare a casa da solo se non ti senti bene.
  • Ricordati che il panico non aiuta: se tutti ignorassero i bisogni altrui, se impazzissero e non si aiutassero, la situazione andrebbe peggio!
montagna - calma - coronavirus
Ph by Simon Migaj on Unsplash

 

  • Prenditi cura delle persone che ami: anche se non le puoi vedere, fai sapere alla tua famiglia e ai tuoi amici che gli vuoi bene!

 

La teoria della filosofia stoica ci aiuta nei momenti come quelli nei quali viviamo ora.

Ci può ricordare di rimanere calmi nelle situazioni caotiche e di sviluppare un piano che faccia andare avanti.

L’unica forma positiva di contagio e la diffusione della calma.

 

Qui puoi leggere l’articolo originale: You don´t control what happens, you control how you respond.