Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Social Media Listening, l’arte di sapere ascoltare

Hello Word, Rubriche di Maria Crucitti

14 aprile 2020

Monitorare le nostre performance è importante per comunicare correttamente con il pubblico. Sapere cosa pensano gli utenti, dove veniamo citati in giro per il web o quali sono gli argomenti caldi attorno al nostro brand.

Quest’attività che si svolge online è conosciuta con il nome di Social Listening ed adottarla ha diversi vantaggi.

Prima di addentrarci in questo viaggio intorno all’utente, che ci poterà a capire come misurare successi e insuccessi nel campo della comunicazione, dobbiamo fare alcune precisazioni.

 

 

Social Listening vs Monitoring: due facce della stessa medaglia?

 

Social Media Monitoring e Social Media Listening non sono due termini intercambiabili tra loro, il monitoring è solo l’ombra del listening, scopriremo a breve perché.

Monitorare i social è un processo che ci porta a tener conto di fattori come: commenti, like, mention e dati simili, tutto ruota attorno a loro.

Potremmo vedere tutto ciò come una fase preliminare, la partenza, di quello che poi sarà oggetto di listening.

Prima di proseguire c’è una seconda lancia da spezzare: fare listening non preclude affatto tutte le altre tecniche di misurazione che già conosci e sei già abituato ad utilizzare: Google Analytics, Tweetdek, ecc.

 

 

Measurement

 

Le informazioni che puoi carpire ascoltando gli utenti e come si muovono nei vari siti, canali social, hanno impatto su: decisioni di marketing, analisi del brand.

Cosa stai cercando di analizzare attraverso queste pratiche?

 

Prima di raccogliere info e dati bisogna stabilire alcuni obiettivi e fissare dei paletti come:

  • per quali tipo di keyword restare in ascolto;
  • quali KPI sono di nostro interesse;
  • in che canali restiamo sintonizzati;
  • che strumenti possono tornarci utili.

 

Esistono degli studi approfonditi, come quello condotto da Oracle nel 2012 e che trovi qui, in cui si evidenzia come gli utenti siano più propensi a contattare e interagire con i Brand attraverso i social.

Questo è un piccolo esempio di quello che puoi ottenere analizzando i dati con il social listening.

 

 

Qualche strumento utile per una perfetta misurazione

 

Ne esistono diverse di piattaforme che possono aiutarci a tenere sotto controllo questi dati.

Potremmo, come appena accennato, basarci su diversi strumenti, che ci forniranno dei dati approssimativi, oppure dovremmo iniziare ad affidarci a qualcosa di più specifico.

 

 

Mention

 

mention tool logo

 

Per chi non la conoscesse è una piattaforma utile per tenere sott’occhio, attraverso la scelta di alcune parole chiave, cosa si dice in giro sul tuo marchio.

Non stupirti se gestisci una pagina social e vieni ringraziato dai proprietari di un contenuto che condividi dopo che hai creato da zero un post che li riguarda.

 

Mention è utile se vuoi:

  • Creare relazioni;
  • Controllare gli argomenti che ruotano attorno al tuo brand.

 

Quanto citato sopra è solo un assaggio, scopri come sfruttare al meglio Mention nella tua strategia di blogging.

 

 

TalkWalker

 

talkwalker tool logo

 

Utile per real time alert, TalkWalker è molto simile al già citato Google Alerts.

Come funzionano? Semplice, appena un termine di tuo interesse appare online, una notifica ti avvertirà per mail della comparsa di un nuovo contenuto sul topic che leggi di solito o che potrebbe riguardarti.

Puoi monitorare i top influencers, argomenti più chiacchierati, anche in diverse lingue, e scaricare dei report sui dati.

Se sei un Digital PR è un ottimo strumento da prendere in considerazione ed integrare nel tuo arsenale.

 

Anche Hootsuite è un’ottima alternativa, ma è più indicato se desideri effettuare una ricerca per hashtag o per determinate parole chiave di interesse.

Se invece ritieni di essere più interessato ad ascoltare, a 360 gradi, cosa accade sui social, allora BuzzSumo può offrirti qualche spunto interessante.

 

 

Fonti utilizzate:
TalkWalker
Hootsuite

 

Maria Crucitti

Una laurea in ingegneria delle telecomunicazioni ma un animo da web designer. Appassionata di tutto ciò che riguarda la SEO ed il mondo digitale. Ama l'arte, la comunicazione, il cinema ed i videogames.
Ha sempre qualcosa da annotare, tra una tazza di caffè e l'altra.
Vive a Reggio Calabria ma il luogo dove si sente a casa è internet.
Maria Crucitti