Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

La gabbianella e il gatto: un inno alla diversità 

Film, onefilm oneday, Rubriche di Ludovica Casula

16 aprile 2020

Ci ha lasciato a settanta anni lo scrittore cileno Luis Sepúlveda.

Scrittore gentile, grande estimatore dell’Italia e ricambiato da noi Italiani.

Creatore di favole, non solo per bambini, diventate caso editoriale.

 

Su tutte la celeberrima Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare (1996) diventata film, La gabbianella e il gatto (1998), grazie alla collaborazione con il disegnatore Enzo D’Alò.

 

È la storia di Zorba, un gatto la cui vita improvvisamente si incrocia con quella di una gabbiana morente.

Quest’ultima fa promettere al gatto tre cose: che non mangerà l’uovo che sta per fare con le sue ultime forze, che si prenderà cura di lui fino a quando il pulcino uscirà e che gli insegnerà a volare.

Un racconto delicato che utilizza la sua semplicità per affrontare anche riflessioni importanti, come quella della mano crudele dell’uomo sulla natura e del suo disinteresse verso le altre creature viventi.

Una storia, quindi, che ben si adatta al mondo di oggi, dove troppo spesso i sentimenti vengono dimenticati.

Un’altra tematica del film è quella della diversità: riuscire ad amare e avere rispetto per chi è diverso da noi.

In questo caso, vengono usati due “opposti” per evidenziare questo concetto.

 

Come dice il protagonista Zorba:

È molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma è difficile farlo con chi è diverso.

 

Eppure Fortunata, la gabbianella, gli ha insegnato a farlo.

 

la gabbianella e il gatto

 

Ludovica Casula

Ludovica Casula si è laureata in Didattica e Comunicazione dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.
Frequenta il secondo anno di magistrale del corso di Teatro, Cinema, Danza e Arti Digitali presso l’Università La Sapienza.
Fin da piccola coltiva la passione per le arti, in particolare per il cinema e la fotografia. Affascinata da tutti gli ambiti che hanno a che fare con il “dietro le quinte” del cinema, dopo varie esperienze lavorative e non, ha aperto una pagina social
“Onefilm.Oneday” attraverso la quale commenta e consiglia film per avvicinare le persone alla
settima arte.
Inoltre, durante i suoi viaggi, realizza piccoli reportage fotografici personali in linea
con lo stile prediletto, la Street Photography.
Altri interessi pregnanti sono la letteratura e la musica, che vengono proposti sui suoi profili social.