Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Come riconoscere una fake news

Quando la realtà e la fantasia si incontrano usa gli strumenti giusti...

Hello Word, Rubriche di Maria Crucitti

12 Maggio 2020

Un argomento spinoso che, con la crescente diffusione dei mezzi di comunicazione, ha trovato terreno fertile per andare avanti.

Per quale motivo una notizia falsa, appunto fake news, si divulga così esponenzialmente rispetto ad altre notizie reali che restano invece lontane dai riflettori?

L’obiettivo di quest’articolo è duplice. Parleremo di come non farci prendere per il naso se un conoscente ci invia, inconsapevolmente, un articolo che riporta notizie false, e degli strumenti che possono venirci in aiuto per monitorare le informazioni, dal momento in cui nascono fino alla condivisione.

 

 

Il fenomeno delle fake news tra gli utenti web

 

Per chi si occupa di comunicazione, redigere articoli per blog, giornali o brand aziendali, trovare sempre le giuste fonti dalle quali attingere per le notizie deve essere una preoccupazione costante.

Fare disinformazione non conviene al brand di cui ci occupiamo ed è un grave danno d’immagine, da cui non sempre possiamo uscirne fuori nel breve periodo.

Purtroppo però, pensare di avere sempre notizie di prima mano è un’utopia.

A volte studiare un argomento, un’informazione, è un vero atto di fede: bisogna avere fiducia e basarsi su post, video, articoli di giornale, che vengono riportati da altri. È qui che sorgono i problemi, specialmente per coloro che si occupano di giornalismo. Le conseguenze non c’è bisogno di elencarle, le conosciamo tutti.

A volte il buonsenso non basta, un’informazione distorta cerca di far breccia sulla sfera personale, partendo dalle nostre emozioni, ed ha come arma un fondo di verità o un argomento che ci sta molto a cuore, il quale però viene stravolto (non a caso le bufale proliferano attorno ad argomenti caldi).

Queste notizie fasulle o distorte vengono studiate a tavolino e le più pericolose sono quelle che cercano di influenzare la tua opinione su qualcosa.

Un secondo filone invece sfrutta delle “esche”, come dei titoli provocatori, fuorvianti, che permetteranno a chi le mette in campo, di guadagnare con i banner e le visualizzazioni ottenute dai link.

È sempre disinformazione, ma al di là di ciò, per noi è importante capire come possiamo mettere un freno a questo fenomeno, non facendoci prendere alla sprovvista.

 

Partiamo dalle basi.

Quando leggi qualcosa su Facebook, Twitter o visualizzi da YouTube un video:

  1. Metti sempre in dubbio
    È difficile, ma devi pensare che non è tutto oro quello che luccica. Parti dal presupposto che una sola notizia che ricevi o leggi non basta, anche se arriva dal tuo magazine preferito. Se poi ti solletica e vuoi condividerla con tutti i tuoi contatti, prima cerca di verificare le fonti: altrimenti sarai tu il primo a contribuire alla sua diffusione. Vale lo stesso se hai letto una news e non stai più nella pelle: se senti che quello deve essere il tuo cavallo di battaglia, da postare su social network e blog, rifletti sempre un istante in più.
  2. Se hai il sospetto
    Se l’immediatezza del web ha favorito la condivisione delle news e di ogni sorta di contenuto online, che potrebbe essere un aspetto negativo quando una notizia è falsa o errata, dall’altro canto abbiamo dalla nostra un catalogo di informazioni alle quali attingere. Sì, perché c’è uno storico attorno ad una notizia, tutto è connesso e se non trovi molto su qualcosa, o la trovi sotto fonti non autorevoli o nomi diversi, allora c’è un primo allarme.
  3. Verifica parziale o veloce
    Quando una falsa news viene divulgata possiamo provare a cercare con le virgolette il titolo delle news. In questo modo trovi la corrispondenza esatta, cioè tutti gli articolo con quel title. Ora, cerchiamo ancora, ma stavolta senza virgolette le parole: “bufala + notizia” o “notizia + fake news”, ed abbinamenti simili (usando anche gli operatori di ricerca avanzata). Se si tratta di un errore, spesso ci sono delle smentite o comunicati stampa in rettifica.Per informazioni che riguardano dei paesi specifici, ed è qui il bello di internet, possiamo cercare e trovare per lingua i risultati. Questo stratagemma però è utile anche per notizie assolute, quindi valide in tutto il mondo come ad esempio “covid 19 affecting pets”? Un’informazione del genere riguarda non solo l’Italia, dovresti trovare info da ogni parte del mondo, perciò usa l’inglese per le tue ricerche.
  4. Verifica approfondita, utilizzando dei tool
    Entriamo nel vivo dell’articolo, se sei un blogger o ti occupi di informazione non solo il tuo intuito dovrebbe suggerirti qualcosa, ma sei tenuto a verificare in modo più approfondito le notizie.

 

 

Per smascherare una notizia falsa occorrono gli strumenti giusti

 

Una falsa notizia è solo apparentemente fortuita, o meglio, tutto ciò che vi è di fortuito è l’incidente iniziale che fa scattare l’immaginazione; ma questo procedimento ha luogo solo perché le immaginazioni sono già preparate e in silenzioso fermento.

Marc Bloch

 

Vediamo di seguito, brevemente, alcuni dei tool più utili a capire se un’informazione, un video o una immagine sono stati riutilizzati (o alterati).

Tieni a mente che i dettagli, in questi casi, sono vitali.

 


Video

 

Partiamo dai video che impazzano online dove montaggi fantasiosi, però fatti a regola d’arte, possono trarci in inganno. Se un video si trova su un canale YouTube puoi ricorrere a YouTube Data Viewer: è un piccolo tool gratuito che permette di verificare il momento in cui un video appare online per la prima volta.
L’autore del tool è, tieniti forte, Amnesty International

screenshot di youtube data viewer tool

 

La questione per i video però è molto profonda, soprattutto quando si tratta di video di personaggi politici o volti noti. Devi sapere che esistono molte tecniche per manipolare i file, in particolare una detta Face Swap, che sfrutta l’intelligenza artificiale per effettuare una specie di scambio dei volti (a quel punto bisognerà andare a indagare anche sui metadati di foto e video, e simili).

 


Immagini

 

Un motore di ricerca come Google, offre già un primo aiuto, la ricerca per immagini.

Ti basterà andare su “immagini” e trascinare dentro una alla volta le foto che vuoi verificare. Verranno visualizzate così le fotografie che più si avvicinano alle tue, ma non è uno strumento sempre preciso.

Ma metti caso trovi un match tra la tua immagine, postata durante la giornata di oggi, e altre immagini che erano online già diversi anni prima, magari qualche burlone vuole far passare per odierna una notizia sbagliata usando una vecchia foto per avvalorare la sua tesi.

Qualora non dovessi avere buoni risultati con Google puoi provare TinyEye, la funziona è simile.

 

tinyeye ricerca immagini

 

 

Twitter

 

Un problema che potrebbe sorgere su Twitter, soprattutto se non molto nel mood della piattaforma, è riuscire a capire se davanti a te ci sia un profilo reale o meno.

TwitterAudit è la risposta a questo dilemma, ti offre una prova gratuita di analisi e, per le altre ricerche, dovrai attrezzarti con un account premium.

 

audit twitter tool

 

Interessante poi per capire dove si discute maggiormente di un argomento piuttosto che di un altro, il sito di OneMillionTweetMap.

Se clicchi sulla “i” di info, nella search bar, vedrai tutti i modi che hai a disposizione per cercare info su un topic.

 

tool twitter one million map

 

 

Facebook

Esistono diverse possibilità: la prima è quella di accedere a Facebook e iniziare una ricerca per parola chiave o hashtag, avendo cura di filtrare i risultati tramite “anno”, “luogo”, “autore” e per tipo “post”, “video” ecc.

Un altro modo potrebbe essere quello di utilizzare uno strumento non ufficiale, messo a disposizione da alcuni sviluppatori in modalità gratuita, che risponde al nome di Who posted what. Una volta aperta la pagina, compilando i campi corrispondenti alla sezione che ci interessa, basterà avviare una ricerca e iniziare a controllare i risultati. Non devi compilare ogni sezione, ma procedere per step, avviando una ricerca per volta (è disponibile, tra le ultime opzioni, anche la ricerca su Instagram).

 

who posted what tool

 

Siamo arrivati alle conclusioni, è ora di svelarti che lo strumento più importante per investigare su questi temi è l’intuito.

Abbiamo visto insieme qualche spunto che può aiutarci a fare chiarezza, cioè l’uso dei social network e del web (altri strumenti utili puoi trovarli qui)

Esistono poi alcuni siti che hanno come missione quella di riportare prima possibile le fake news, smascherandole.

 

 

QUIZ – Esempi di Fake News

 

Adesso che sai riconoscere una fake news voglio metterti alla prova.

Quale notizia tra quelle che vedi è falsa?

Usa gli indizi che ti ho lasciato di seguito per cercare su Google e quanto hai letto in questo articolo.

 

Sei pronto?

Iniziamo:

  1. Coronavirus: tagliarsi la barba evita il contagio.infografica cdc barba

 

2. Il 5G aiuta i virus a propagarsi.

immagine virus

 

 

3. Ultimo investimento di Jovanotti, diventa miliardario grazie ai Bitcoin.jovanotti e fazio su rai1

 

 

4. Intelligenza artificiale: nuovi chip che si progettano da soli.

chipset

 

 

Maria Crucitti
Latest posts by Maria Crucitti (see all)