Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Fellini degli spiriti: un film di Anselma Dell’Olio

Il mondo non visto: non c’è un termine al viaggio degli esseri umani.

Film di Daniele Votta

14 Agosto 2020

In occasione delle celebrazioni dei 100 anni dalla nascita del maestro: Fellini degli spiriti, un film di Anselma Dell’Olio, solo il 31 Agosto e il 1 – 2 Settembre, al cinema.

Il ritratto definitivo diretto da Anselma Dell’Olio selezionato dal Festival di Cannes (“Cannes Classics Sélection officielle 2020”), prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Walking the Dog, Arte e Rai Com.

I film di Fellini sono carichi di Magia e idee che non dovrebbero collegarsi tra loro. E invece si collegano. È questo il mondo onirico.

Era come se lui facesse dei viaggi all’interno dell’avventura umana. Geniale, ispirato, a volte dubbioso.

Adorava il Mistero e quindi dappertutto cercava di coltivare questo senso del mistero e di restituirlo sullo schermo. 

 

Aveva una dote rara: sapeva leggere nelle persone.

 

Per lo spettatore dei suoi film, non importa se, all’improvviso, le persone iniziano a volare o se i sogni più assurdi diventano realtà. C’è comunque questa vivida verità emozionale che è assolutamente reale.

 

 

In anteprima internazionale alla XXXIV edizione del Festival Il Cinema Ritrovato, promosso dalla Cineteca di Bologna, dal 25 al 31 Agosto.
Verrà presentato in Piazza Maggiore a Bologna, come anteprima della manifestazione, il giorno 23 Agosto il documentario che racconta, per la prima volta, “il mondo non visto”, spirituale e soprannaturale di Federico Fellini attraverso straordinari materiali d’archivio di Rai Teche e Istituto Luce, immagini dei suoi film e interviste esclusive.

 

Se pensate che tutto sia stato detto sul grande riminese di Roma, dovete vedere Fellini degli spiriti, perché vi farà scoprire un Fellini nuovo, intimo più vicino ad ognuno di noi.

Gian Luca Farinelli, Cineteca di Bologna

 

 

Dopo il suo passaggio a Bologna, la pellicola arriverà nei cinema di tutta Italia.

 

 

Intanto, all’ultimo Marché di Cannes, svoltosi in forma virtuale, il film distribuito a livello internazionale da Nexo Digital è stato apprezzato da tutti i buyer internazionali e al momento sono già oltre venti i paesi con i quali si stanno finalizzando accordi di distribuzione cinematografica che renderanno Fellini e il cinema italiano nuovamente protagonisti in tutto al mondo.

 

Profondamente innamorato della vita, Fellini ha attraversato la sua esistenza cercandone sempre il senso.

 

L’interiorità dell’uomo spirituale può essere comune oggetto della Scienza come dell’Arte.

E ciascuno si esprime con i mezzi che gli sono congeniali: io con la macchina da presa.

Federico Fellini

 

Federico Fellini | Ph Vittoriano Rastelli
Federico Fellini | Ph Vittoriano Rastelli

 

A cento anni dalla nascita del Maestro, nato a Rimini il 20 Gennaio 1920, il documentario indaga in profondità la sua passione per quello che lui definiva, in breve, il mistero, l’esoterico, il “mondo non visto” in una ricerca incessante di altre possibilità, altre dimensioni, altri viaggi e di tutto quello che può far volare lo spirito e la mente.

Questi aspetti, presenti in tutta la sua cinematografia, sono stati suo oggetto d’indagine inizialmente con il grande psicoanalista junghiano Ernst Bernhard, che non solo gli ha svelato i segreti dell’Inconscio, ma gli ha anche mostrato una nuova visione del mondo attraverso la lettura dei Tarocchi e la consultazione de I Ching.

Ma sarà l’incontro con il professor Gustavo Rol, conosciuto per “Giulietta degli Spiriti”, che, attraverso i suoi esperimenti, gli proverà che esistono davvero altre dimensioni e che non c’è un termine al viaggio degli esseri umani.

 

 

A raccontare il mondo magico di Fellini tante voci, dalla cartomante che Fellini consultava sempre a Terry Gilliam (Premio Oscar per Brasil), da Giuditta Mascioscia, la sensitiva amica di Gustavo Rol al regista Damien Chazelle (Premio Oscar per La La Land), dai collaboratori e amici più stretti di Fellini a registi come William Friedkin (Premio Oscar per Il braccio violento della legge e L’Esorcista).

Attraverso straordinari materiali d’archivio di Rai Teche e Istituto Luce e materiali d’archivio internazionali, le immagini dei suoi film e interviste agli intellettuali che più hanno studiato il suo lavoro, “Fellini degli Spiriti” è un ritratto inedito, intimo e spirituale del grande regista.

 

Daniele Votta

 

Prodotto da: Mad Entertainment con Rai Cinema
In coproduzione con: Walking the Dog, Arte e Rai Com
Vendite internazionali: Nexo Digital e Rai Com

Opera realizzata con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale Cinema

Opera realizzata con il sostegno della Regione Lazio Avviso pubblico Attrazione produzioni cinematografiche (POR FESR LAZIO 2014-2020) Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea
Con il contributo della Regione Campania e la collaborazione di FCRC

In collaborazione con Regione Emilia-Romagna
In collaborazione con Comune di Rimini
In collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna
Con il patrocinio del Comitato Fellini 100