Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

TikTok prenderà il posto di Instagram? Cosa lo rende così popolare?

Quora in pillole, Rubriche di Valentina Tosi

9 Novembre 2020

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con esperti che partecipano attraverso contenuti di qualità.

Nella rubrica Quora in pillole propongo ogni mese le risposte più interessanti, su tematiche che spaziano dal marketing alla comunicazione, dalla tecnologia fino all’arte e alle esperienze personali.
Se vuoi condividere le tue conoscenze o fare domande, iscriviti su it.quora.com.

 

La domanda di oggi:

TikTok prenderà il posto di Instagram? Cosa lo rende così popolare?

 

Risposta di Renato Gioia, Speaker & Docente presso Marketers (2014 – ad oggi).

 

Photo by Solen Feyissa on Unsplash

 

Ipotizzare che Tiktok “prenda il posto di Instagram” è una semplificazione eccessiva e fondamentalmente errata di un fenomeno molto più complesso.

 

Per due principali ragioni:

  • L’esistenza dell’uno non presuppone la scomparsa dell’altro
  • Si tratta di piattaforme in questo momento molto diverse con anche un pubblico molto diverso

 

Credo che invece la domanda giusta da porsi, al di là dei paragoni con Instagram sia:

qual è il futuro di Tiktok?

 

Per rispondere a questa domanda è necessario partire con alcune riflessioni un pò più generali sulla natura di qualsiasi trend e diffusione virale di piattaforme e tecnologie.

 

Nella maggior parte dei casi, qualsiasi nuovo trend condivide una struttura di “diffusione” molto simile.

Generalmente non esplodono dall’oggi al domani, ma seguono un processo molto più lento, che gradualmente diventa esponenziale.

 

Photo by Hello I’m Nik 🎞 on Unsplash

 

Un modello universalmente riconosciuto è quello della diffusione delle nuove idee e tecnologie elaborato da Everett Rogers secondo cui un nuovo trend prende il via coinvolgendo in ordine le seguenti categorie di persone:

  • Innovatori (2,5%)
  • Early Adopters o Adottatori Precoci (13,5%)
  • Early Majority (34%)
  • Late Majority (31%)
  • Ritardatari (16%)

 

 

Nella maggior parte dei fenomeni di diffusione, la chiave per l’esplosione risiede nella seconda fascia, quella degli early adopter, poiché rappresentano il mezzo tramite il quale l’idea può raggiungere la maggioranza.

 

 

Cosa c’entra tutto questo con TikTok?

 

Per prima cosa, possiamo certamente affermare che TikTok è un nuovo trend.

Altrimenti non avrebbe 500 milioni di utenti attivi al mese.

E non sarebbe neanche l’app più scaricata nel primo trimestre del 2019 sull’App Store (tra l’altro per il quinto trimestre consecutivo, non un paio di settimane).

Oltre ad essere anche la terza app più scaricata su Google Play dietro solo a Whatsapp e Messenger.

 

Photo by visuals on Unsplash

 

In un contesto come questo, la chiave per poter prevedere se mai TikTok possa diventare mainstream (e quindi raggiungere la maggioranza) si nasconde dietro il comportamento di quella famosa categoria degli “early adopter”.

 

In particolar modo, sarà cruciale il comportamento di creator e influencer già affermati su altre piattaforme.

Nel momento in cui molti di questi ultimi decideranno di iniziare a pubblicare contenuti su TikTok (trascinandosi dietro il loro pubblico), sarà inevitabile che si raggiunga ad un certo punto quello che Malcolm Gladwell definisce “Tipping Point”, ovvero il famoso punto di non ritorno.

 

Ma è verosimile pensare che creator e influencer già affermati su altre piattaforme abbiano i giusti incentivi che li spingano ad adottare TikTok?

La mia risposta a questa domanda è: decisamente sì.

 

Photo by Hello I’m Nik 🎞 on Unsplash

 

Molti fanno un paragone tra TikTok e Snapchat, ma la verità è che si tratta di due cose molto diverse e soprattutto di periodi molto diversi

La visibilità organica che TikTok offre oggi ai creator è clamorosamente più alta, rispetto a quanto Snapchat poteva offrire.

Snapchat era un sistema chiuso e privato, mentre TikTok mette al centro della piattaforma la “discoverabilty”, ovvero la possibilità per qualsiasi utente di scoprire profili nuovi ed iniziare a seguirli tramite la pagina “Per Te” che è praticamente la home page del social.

 

Allo stesso tempo, altre piattaforme (come Instagram, Facebook e Youtube) non offrono neanche lontanamente la stessa possibilità di crescita organica che oggi è possibile su TikTok.

 

Se pensiamo anche solo a qualche anno fa la situazione era molto diversa.

Tutto questo, ha creato (e sta continuando a creare) i presupposti per la nascita di una domanda sempre più consapevole da parte degli Influencer su come raggiungere nuove persone.

 

Dall’altro lato TikTok si posiziona esattamente come soluzione a questo problema.

 

Offre come incentivo ai suoi early adopter la possibilità di avere livelli di copertura organica fuori dal comune.

 

Photo by Solen Feyissa on Unsplash

 

Questo vuol dire che TikTok si inserisce in un contesto storico perfetto per favorirne la crescita, con gli incentivi giusti per attirare quella categoria di utenti cruciale per il suo successo.

 

Allo stesso modo, però, vedo una grande sfida che il team di TikTok sta affrontando in questo momento riguardo il posizionamento della piattaforma.

Svincolare la piattaforma dalla percezione dell’opinione comune, ovvero che sia solo un’app per ragazzini di 14 anni che fanno comedy e lipsync.

 

Credo che l’attrattività verso nicchie differenti dal comedy e lipsync sia l’elemento cruciale che ne determinerà il successo.

 

Photo by Solen Feyissa on Unsplash

 

Da questo punto di vista ogni giorno vedo influencer di nicchie sempre più disparate approcciarsi alla piattaforma e gradualmente sto iniziando a percepire uno switch nel mood generale.

Se mi chiedete cosa ne penso in proposito, la mia risposta oggi è che Tik Tok sia qui per restare e abbia davanti a se un potenziale di crescita decisamente grande.

 

 

Se desideri approfondire il tema, ho toccato l’argomento più nel dettaglio in una delle mie puntate del podcast che trovi sia su Spoify che Apple Podcast.

 

Qui sotto i link:

Spotify: #1 Tiktok, Tipping Point e Fenomeni Virali – Renato Gioia Podcast

Apple Podcast: ‎Renato Gioia Podcast: #1 Tiktok, Tipping Point e Fenomeni Virali su Apple Podcasts

Valentina Tosi

 

Cover Photo by Solen Feyissa on Unsplash