Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

The Queen’s Gambit

Una lotta contro le paure dell’essere umano, nel tentativo disperato di raggiungere una possibile redenzione.

onefilm oneday, Rubriche di Ludovica Casula

9 Dicembre 2020

Spread the love

The Queen’s Gambit è una serie targata Netflix, creata da Scott Frank e Allan Scott e tratta dall’omonimo romanzo del 1983 di Walter Tevis.

La sceneggiatura è incentrata sulla storia di Elizabeth Harmon, una giovane donna, incapace di creare rapporti stabili e relazioni con i suoi coetanei, dipendente inizialmente da farmaci calmanti e successivamente dall’alcol, ma con un’unica e grande passione ed ossessione: gli scacchi.

Beth (così le piace farsi chiamare) cerca negli scacchi un rifugio dalla sua vita, segnata da perdite, difficoltà economiche e dalle sue dipendenze che non riesce a gestire facilmente. La ricerca dell’equilibrio è una costante nella vita della protagonista e solo nel giocare riesce a trovarlo.

Giocare a scacchi per lei è naturale, le viene spontaneo, e solo col tempo comprende la vera importanza della tecnica e delle varie strategie del gioco.

 

La serie non si focalizza sullo studio degli scacchi e sulle partite svolte dalla Harmon, ma il suo intento è quello di mostrarci una lotta contro le paure dell’essere umano, nel tentativo disperato di raggiungere una possibile redenzione.

Si scava talmente a fondo sull’intimità della protagonista che anche quando i suoi comportamenti risultano disturbanti, è difficile non stare dalla sua parte.

 

“The Queen’s Gambit”, prodotta da Netflix. in una scena del film Anya Taylor-Joy e Thomas Brodie-Sangster

 

The Queen’s Gambit non vuole essere una serie femminista, anche se ci presenta una donna in un mondo di soli uomini, ancora oggi quello degli scacchi è considerato un gioco prevalentemente maschile.

In questa serie, il gioco è il linguaggio comune tra i vari personaggi e la società; il linguaggio tra Beth e se stessa che la aiuterà a conoscersi e capire ciò che la circonda.

 

Gli scacchi che prima non sono altro che una rivalsa personale, diventeranno piano piano una creazione di legami.