Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

Venezia78: “America Latina” dei Fratelli D’Innocenzo

Film, Just Viewed, onefilm oneday, Rubriche di Ludovica Casula

9 Settembre 2021

Dopo La terra dell’abbastanza e Favolacce, i Fratelli D’Innocenzo tornano con il loro ultimo film America Latina per la prima volta in concorso alla settantotesima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

 

Elio Germano in “America Latina” diretto dai Fratelli D’Innocenzo, distribuito da Vision Distribution

 

America Latina è una storia oscura che rimane nel mistero come il titolo che riprende un non luogo tra realtà e sogno.

Lo spettatore abituato alle zone periferiche dei precedenti film stavolta si ritrova immerso in un altro tipo di suggestione.

Il protagonista della storia è Massimo, interpretato da Elio Germano, e in apparenza può sembrare che la sua sia una vita semplice: lavora nel suo studio come dentista, si concede quando è libero una birra con il suo amico Simone e poi torna a casa dalla moglie e dalle due figlie che lo amano. Un’esistenza perfetta che si svolge in una villa, con un’architettura strana, lontana dalla vita di città circondata dalla natura.

Un giorno però la quotidianità di Massimo viene sconvolta quando scende nella cantina scoprendo un qualcosa di terribile: una ragazzina legata ad un palo, malnutrita e piena di lividi.

 

 

Da questo punto della storia si cerca di analizzare, attraverso la psicologia e i ricordi di Massimo, il perché della ragazzina e soprattutto chi ce l’abbia portata.

 

 

America Latina è un film fatto di interni dove Massimo cerca di trovare una via d’uscita e contemporaneamente, specchiandosi, cerca qualcosa all’interno di se stesso.

 

 

I Fratelli D’Innocenzo non abbandonano i generi anzi, in questo film, ricalcano l’uso di una varietà numerosa di vari tipi di richiami cinematografici come quello del thriller. Usando un tipo di fotografia specifica e delle inquadrature quasi completamente incentrate su primissimi piani, con la loro ultima opera, i Fratelli D’Innocenzo dichiarano la loro poetica cinematografica. America Latina risulta un prodotto complesso non brillante che arriva ad infastidire troppo lo spettatore per la sua ambiguità.

 

Al contrario dei loro precedenti lavori, dove i due registi sono stati capaci di raccontare e arrivare ad una certa profondità della storia, qui sembrano essersi bloccati e non sapendo più quale via intraprendere. Uno dei film più attesi di questa edizione che purtroppo, una volta visto, non lascia assolutamente niente allo spettatore: solo delle belle scene da guardare.

 

 

Cover ph: Elio Germano in “America Latina” diretto dai Fratelli D’Innocenzo, distribuito da Vision Distribution.