Storie sulla comunicazione e quello che ci circonda.

 

Newsletter

KID CUDI HA RIVOLUZIONATO L’HIP-HOP ROMPENDO IL TABOO DELLA CONDIVISIONE DEI PROPRI SENTIMENTI.

Musica di Marco Biondi

10 Maggio 2022

Spread the love

Scott Mescudi, in arte Kid Cudi, è indubbiamente uno degli artisti più influenti dello scorso decennio, i suoi testi e il suo sound hanno ispirato un’intera generazione di stelle del calibro di Travis Scott, Jaden, Willow, A$AP Rocky e molti altri.

Probabilmente Cudi è anche stata la persona più adatta a tirare fuori il meglio, dal punto di vista musicale, da Kanye West, sia nei vari singoli in cui hanno collaborato, su tutti “Welcome to Heartbreak”, “Father Stretch My Hands Pt.1” e “Gorgeous”, che nell’album creato insieme “KIDS SEE GHOSTS”, prodotto dopo la fine della riabilitazione di Scott, che in passato ha sofferto di dipendenza da droghe.

Se adesso mettersi a nudo e rivelare le proprie fragilità e le proprie sensazioni in un tentativo di analisi interiore è una cosa piuttosto comune nel mondo dell’hip-hop americano, è anche grazie all’impatto di persone come Cudi che hanno avuto il coraggio di farlo in un momento storico diverso.

Le prime parole che solitamente usano i fan di Kid Cudi quando parlano di lui sono: “la sua musica mi ha salvato la vita”, perché Scott Mescudi ha veramente rivoluzionato il modo di fare musica nell’industria hip-hop, scrivendo testi che parlassero dei suoi pensieri, delle sue emozioni, rivelando le proprie insicurezze e facendo capire alle persone che non ci fosse niente di sbagliato nel farlo.

Come dichiarato in un’intervista del 2009, la luna è il luogo metaforico dove Cudi trova la pace interiore, può essere sia una stanza fisica che la propria mente.  

Il documentario dedicato a lui, “A Man Named Scott”, prodotto da Prime Video apre una finestra sul cantante, che ha avuto di gravi problemi di depressione e condivide i suoi pensieri sulla pressione derivante dalla consapevolezza di come molti giovani fans fossero profondamente legati alla sua musica e alle sue parole.

Kanye West non poteva mancare tra le personalità intervistate in questo documentario, e sono molto interessanti le sue parole sull’abilità di Kid Cudi di connettersi non solo con la propria coscienza, ma anche con quella del pubblico:

“Quello che è veramente bello è quando artisti e musicisti si esprimono in un modo che ci aiuta a liberare le nostre menti, solo i più puri riescono a farlo. Cudi fa solo quello che si sente di fare, questa è la differenza tra gli artisti e gli altri, la sua musica si connette con le persone e ha un effetto terapeutico.”

Day ‘N’ Nite (nightmare) è il singolo di debutto di Kid Cudi, pubblicato su SoundCloud nel 2008 e finito rapidamente in cima alle classifiche delle radio americane e nella top 3 della Billboard Hot 100 Chart.

Questa traccia è stata anche paradossalmente, visti i contenuti trattati nella canzone, remixata in versioni più adatte a serate in discoteca, diventando anche la colonna sonora di Project X, ecco un esempio: 

Day and night,
I toss and turn, I keep stressing my mind,
  

I look for peace but see I don’t attain
What I need for keeps this silly game we play,
Now look at this,
Madness to magnet keeps attracting me,
I try to run but see I’m not that fast,
I think I’m first but surely finish last

“Soundtrack 2 my life”, la prima traccia di Man On The Moon Vol.1, il primo album di Kid Cudi, è il suo manifesto artistico: 

I’ve got some issues that nobody can see
And all of these emotions are pouring out of me
I bring them to the light for you
It’s only right
This is the soundtrack to my life
The soundtrack to my life

I’m super paranoid, like a sixth sense,
Since my father died, I ain’t been right since,
And I tried to piece the puzzle of the universe
Split an eighth of ‘shrooms just so I could see the universe
I tried to think about myself as a sacrifice,
Just to show the kids they ain’t the only ones who up at night
The moon will illuminate my room and soon I’m consumed by my doom
Once upon a time nobody gave a fuck
It’s all said and done and my cock’s been sucked
So now I’m in the cut, alcohol in the wound
My heart’s an open sore that I hope heals soon
I live in a cocoon opposite of Cancun
Where it is never sunny, the dark side of the moon
So it’s more than right, I try to shed some light on a man
Not many people of this planet understand, fam’