• Arte

“Alcuni di Noi”: una mostra che è un viaggio interiore in un abbraccio reciproco

Mostra "Alcuni di Noi" di Raoul Iacometti

Noi siamo l’enigma che nessuno decifra. Siamo la favola racchiusa nella propria immagine. Siamo ciò che continua ad andare avanti senza arrivare mai a capire.

Jostein Gaarder, Maya, 1999

 

«Storie di persone e luoghi che racchiudono in sé altre storie. Un moto perpetuo di sensazioni e situazioni diverse tra loro, ma che per chissà quale alchimia sembrano simili. Talvolta nemmeno scatto, ascolto e scrivo. Le fotografie più belle sono fatte di parole e inchiostro blu.»

I lettori di Just Baked hanno già incontrato (e apprezzato) Raoul Iacometti che oggi ci invita a visitare una mostra su “Alcuni di Noi”.

 

Mostra "Alcuni di Noi" di Raoul Iacometti

 

Roberto Mutti, il curatore, ci racconta il mood dell’esposizione.

Tra i tanti strumenti espressivi a disposizione, in questo progetto, perché avete preferito la fotografia?
La fotografia ha, fra le tante, una caratteristica unica: quella di guardare in faccia la realtà con una immediatezza e un’audacia uniche.

Se in passato il disegno e la pittura avevano lasciato spazio a modifiche, accorgimenti, migliorie per edulcorare i tanti aspetti della vita, quest’ultima prende il sopravvento con l’avvento della fotografia che diventa la sua più affidabile interlocutrice.

Raoul Iacometti queste cose le conosce benissimo e, ricordando Robert Capa quando diceva che un’immagine insoddisfacente era tale perché l’autore non si era avvicinato abbastanza ai suoi soggetti, ha agito di conseguenza.

Proprio come i volontari che, per supplire alle difficoltà di movimento dei disabili li aiutano con un contatto fisico identico ad un abbraccio, anche Raoul Iacometti si avvicina a questa realtà con un’empatia e una sensibilità capaci di cingere in una stretta ideale tutti i protagonisti di questo intenso dialogo. In uno scambio reale in cui emerge, prepotentemente, il vero senso del reciproco riconoscersi.

 

Mostra "Alcuni di Noi" di Raoul Iacometti

 

E perché Raoul Iacometti è il fotografo giusto per questo progetto?
Raoul è impegnato (dal 2015) in un progetto di documentazione sulle attività di diverse associazioni di volontariato che si occupano, all’interno dell’Ospedale Niguarda di Milano, di persone affette da gravi malattie degenerative.

Il fotografo ha scelto il bianco nero per raccontare, con rara sensibilità, le diverse attività messe in atto dagli operatori per rapportarsi positivamente con i pazienti.

Così le automobili dai nomi leggendari che sfrecciano in pista e quelle altrettanto divertenti dell’autoscontro, il metallo lucente dell’aereo da caccia da osservare e quello cromato della carrozzella da cui un ragazzo orgogliosamente si solleva, sono istanti di stupore e meraviglia che la vita sa regalare.

Come quel momento di pace in cui, sotto la luce di un lampione e accanto a una siepe, la lettura accompagna la fine della giornata.

 

Mostra "Alcuni di Noi" di Raoul Iacometti

 

Chiediamo dunque a Raoul Iacometti stesso di condividere con noi le emozioni che hanno colorato le sue fotografie.
“Alcuni di Noi” più che una mostra è un progetto fotografico. Qualcosa che ho voluto fortemente perché spero evochi lo spirito reale di chi dedica parte del proprio tempo al volontariato e non. Di chi meravigliosamente si adopera per gli altri.

Tutto il lavoro si è rivelato un viaggio interiore.

Una sorta di percorso personale dentro più realtà e situazioni che avevo finora toccato sporadicamente.

È anche un work in progress, aiutato dalle associazioni stesse che ne sono protagoniste, cercando di vivere il più vicino possibile ad esse. Associazioni che assistono ed operano nel campo delle malattie neurodegenerative.

Si assorbono valori e conoscenze ogni volta diverse, impensabili, partecipando alle loro riunioni. Alla consegna dei compiti.

Al loro essere presenti al 100% per gli altri. Instancabilmente, con ottimismo. E speranza che ai loro assistiti porta tanto aiuto e giovamento.

Gli argomenti toccati per questo progetto sono molti. Se iniziassimo tutti noi a svolgerne una piccola parte potrebbe essere un grande risultato. Perché ciò contribuirebbe a far diventare questo viaggio un viaggio di sola andata. E con biglietto senza scadenza.

Alcuni di Noi è un abbraccio reciproco.

 

 

L’appuntamento è dunque in una bellissima galleria, nel centro di Pavia (SPAZIO S.I.D. “Rossana Bossaglia” al Broletto),
con fotografie inedite e clima natalizio.
L’ingresso è libero.
Inaugurazione: venerdì 21 Dicembre 2018, ore 17:00.

Ph © Raoul Iacometti

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

Oggi, su Just Baked, vi presentiamo Andrea Indini. Direttore creativo del dipartimento grafico dell’ufficio di Roma con più di 15 anni di esperienza. Specializzato in design, brand architecture,…