Cerca
Close this search box.
  • Comunicazione
  • Film

“C’è ancora domani”: cantare anche a bocca chiusa

C'è ancora domani, Paola Cortellesi

C’è ancora domani è uno dei film che in questo 2023 – insieme a Barbie e Oppenheimer – è riuscito a conquistare il grande pubblico. 

Acclamato dalla critica cinematografica, il film ha riportato molti italiani al cinema. Basti pensare che è tra i 10 film con il maggiore incasso di sempre in Italia e noi scommettiamo che diventerà il film più visto del 2023.

Una storia nella Storia

Un successo che ha visto protagonista Paola Cortellesi, qui esordiente alla regia

Ed è sempre la Cortellesi ad interpretare il ruolo principale di Delia: il film ci racconta di lei in bianco e nero, nella realtà romana del 1946. La Grande Guerra è appena finita e il paese si trova a dover ricostruire i territori martoriati dal conflitto mondiale, ma anche a dover ritrovare una propria identità. 

C’è ancora domani ci mostra dunque un momento storico di passaggio, in cui i valori del passato sono incarnati dal personaggio interpretato da Valerio Mastandrea, Ivano. Marito di Delia, incarna i valori della società patriarcale in cui l’uomo può tutto sulla donna. La violenza è l’unico linguaggio con cui Ivano riesce a rapportarsi a Delia. Eppure questa violenza ci viene raccontata proprio dal punto di vista di questa donna, caratterizzata da una leggerezza quasi ingenua. Emblematica è la scena in cui Ivano picchia la moglie: tutto si svolge come fosse una danza. I due personaggi si muovono per la piccola cucina, si avvicinano e si allontanano su passi leggeri, con gli sguardi tesi di chi sta vivendo un momento drammatico.

Il segreto di Delia

Lo sguardo di Delia sul mondo, però, non è affatto uno sguardo ingenuo. Per tutto il film infatti, la vediamo mantenere un segreto; questa donna che sembra in balia d’ogni violenza e sopruso del marito, ha in mente qualcosa. Ma svelarla è talmente pericoloso che neanche allo spettatore è concesso sapere cosa sia. Viviamo con lei l’ansia di essere scoperta, i piccoli sotterfugi, la quotidianità da cui non deve emergere nulla

Mentre la seguiamo per le strade di Roma, entriamo in contatto con tante realtà storiche: la presenza degli americani – «Hai visto gli americani quanto so’ belli, oh?! C’hanno tutti i denti! Ma tanti!» –, la disparità di salario tra uomo e donna, l’istruzione osteggiata nelle famiglie, le differenze tra classi sociali

Ma ci sono anche elementi universali e fuori da ogni tempo. Come l’amicizia con Marisa che offre all’amica una sigaretta come fosse un tesoro proibito; o l’amore perduto con Nino, che vorrebbe rimediare agli errori del passato – «Me ne pento ogni mattina da trent’anni, me so’ distratto un attimo e quello te s’è rubata». O ancora, l’affetto per la figlia Marcella – interpretata dalla giovane Romana Maggiora Vergano – che la disprezza per la sua passività, ma il cui futuro sarà salvato proprio dalla silenziosa Delia.

C'è ancora domani, Delia e Marcella

Il finale: un atto di amore

Il finale di C’è ancora domani ci svela infatti che l’appuntamento cui Delia non può mancare è il voto. È il 3 giugno 1946 e anche le donne possono finalmente partecipare ed esprimere la loro scelta sul futuro d’Italia: Repubblica o Monarchia. È il momento verso cui protende tutto il film, carico di potere simbolico; Delia prepara tutto con cura, come se stesse progettando una fuga d’amore e fino all’ultimo è ciò che crediamo anche noi. Invece non è una fuga, ma un atto d’amore, pensato proprio per sua figlia.

C’è ancora domani racconta di un silenzio finalmente spezzato, anche quando la bocca continua a venire tappata dai prepotenti. La canzone con cui si chiude l’ultima scena, A bocca chiusa di Daniele Silvestri, ne racchiude il significato. A Delia non importa se dovrà farlo a bocca chiusa, di nascosto, con la paura di quel che accadrà dopo: lei farà sentire la sua voce.

Proprio questo ha voluto fare Paola Cortellesi, dare voce a quelle donne che hanno costruito il nostro paese. Persone dimenticate, che sono passate inosservate nella grande storia, e che invece quella storia l’hanno fatta.

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

Si torna a parlare di Inside Out, con l’annuncio del suo sequel – previsto per il 14 giugno di quest’anno. Il trailer rilasciato dalla Pixar ha incuriosito molti, facendo presagire all’orizzonte nuove…
Fin dalla sua uscita, Saltburn ha fatto molto parlare di sé. Non è un caso: ormai anche chi non ha visto il film conosce tramite i social le famose scene “della vasca”, “dell’incontro notturno”, “dell…
"MEN" 2022 All'indomani di una tragedia personale, Harper (Jessie Buckley) si ritira da sola nella bellissima campagna inglese, sperando di aver trovato un posto dove guarire. Ma sembra che qualcun…