Cerca
Close this search box.
  • Film

Dietro i candelabri.

soderberg

“È un film troppo gay per Hollywood!”, per questa ragione (bizzarro non lo fosse anche I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee) Dietro i candelabri è stato prodotto dall’HBO – tra le emittenti americane via cavo più importanti – e trasmesso per la prima volta in TV. Nessuno tra le dorate colline californiane ha avuto il coraggio e la lungimiranza di produrlo, nonostante il nome altisonante di Steven Soderbergh che pure alle major ha portato pubblico e incassi.

Wladziv Valentino Liberace è stato un pianista e uno degli showman di maggior fama tra gli anni 50 e 70 in un’America ubriaca di baby boom, benessere e televisione. Un’America rampante, ma profondamente conformista e  puritana. Lee, come si faceva chiamare, è appariscente come un’insegna di Las Vegas, cotonato – “and lots of hair like Liberace”, cantavano le Chordettes in Mr. Sandman -luminoso, esagerato, coperto di pelliccia, lunghi mantelli dorati, anelli, collane, diamanti; è barocco come il candelabro sul suo piano mentre ammiccando verso la telecamera flirta con il pubblico, fatto perlopiù di casalinghe disperate e sognanti. Prima di Elton John, prima di Jerry Lee Lewis, prima dei Beatles, prima dello show business, c’era lui.

Muore nel 1987 a 68 anni per complicazioni legate all’Aids. Su di lui Scott Thorson, autista, guardia del corpo, amico, figlio, amante,  costruisce la biografia Dietro i candelabri. La scandalosa vita di Valentino Liberace, il più grande showman di tutti i tempi, da cui il film omonimo di Soderbergh è tratto.

Scott ha 17 anni appena quando l’amore per Lee lo travolge, trascinandolo per quasi 5 anni in un inferno di luci, tradimenti, menzogne, droga e trasfigurazioni fisiche. Quella relazione intensa e sconveniente rimase sempre segreta, nascosta dietro finte liaison costruite ad arte, quintali di cerone e dichiarazioni pubbliche; persino in un’aula di tribunale Liberace negherà ostinatamente il proprio orientamento sessuale. “Se i miei fan dovessero scoprire che sono gay e malato di AIDS, sarebbe l’unica cosa che ricorderebbero di me” diceva ai propri amici e collaboratori, mostrando un attaccamento folle e allo stesso tempo profondamente malinconico alla sua immagine pubblica.

La pellicola di Soderbergh, forse l’ultima della sua carriera, racconta la relazione amorosa e tormentata tra Lee e Scott, il circo eccentrico nel quale il giovane viene trascinato dapprima come principale attrazione e poi come vecchio clown da rimpiazzare, l’ascesa e il declino di un artista – un genio per alcuni, un mediocre pianista per la maggior parte dei critici – intrappolato tra miniature di pianoforti, ritratti, colonne di marmo, specchi e tanti, troppi, segreti.

La storia richiama alla mente la depravazione e la follia narrata da Kenneth Anger in Hollywood Babilonia,  il mondo dietro i candelabri dove le ombre sono giganti che divorano l’anima e l’annegano in bottiglie del miglior champagne e schiuma di idromassaggio, dove l’applauso del pubblico pagante non riesce a coprire il rumore assordante della solitudine, dove si è immortali fino al prossimo spettacolo, fino alla prossima star.

Michael Douglas e Matt Damon, straordinari tanto da essere entrambi candidati ai Golden Globe 2014, vestono rispettivamente i panni extralusso di Sua Maestà Liberace e quelli attillati di Scott Thorson. Soderbergh si limita, invece, a rappresentare una vita talmente incredibile da raccontarsi da sola. Appare di tanto in tanto, firmando movimenti di macchina nevrotici cui ci ha abituato già da Sex, Lies and Videotape e che ci ricordano che quello che stiamo guardando è tutto tranne che un film per la tv, almeno nella sua tradizionale accezione.

Dietro i candelabri non è una pellicola “gay”, piuttosto è la storia di un’assenza profonda che i due protagonisti tentano invano di colmare come possono, è il racconto di una paura terribilmente umana, quella di essere abbandonati, dimenticati, rimpiazzati, ma è anche la fotografia impietosa di un’industria che fagocita il talento trasformandolo in merce da vendere, per la quale il successo si misura dal numero di incassi e nella quale il fallimento – anche quello personale naturalmente inevitabile – non è contemplato o perdonato. Dietro i candelabri non c’è nulla di magico o attraente, c’è solo il buio. Lo sapeva Liberace e lo sa anche Hollywood.

Chiara Ribaldo |Bake Agency

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

Si torna a parlare di Inside Out, con l’annuncio del suo sequel – previsto per il 14 giugno di quest’anno. Il trailer rilasciato dalla Pixar ha incuriosito molti, facendo presagire all’orizzonte nuove…
Fin dalla sua uscita, Saltburn ha fatto molto parlare di sé. Non è un caso: ormai anche chi non ha visto il film conosce tramite i social le famose scene “della vasca”, “dell’incontro notturno”, “dell…
"MEN" 2022 All'indomani di una tragedia personale, Harper (Jessie Buckley) si ritira da sola nella bellissima campagna inglese, sperando di aver trovato un posto dove guarire. Ma sembra che qualcun…