• Film

Ode al maestro del cinema italiano d’autore: Dario Argento.

Conosco benissimo la casa di Dario, è il nostro ufficio da più di cinque anni. Ed è anche altro. E’ il luogo in cui lui vive e in cui c’è tutto ciò che di lui fa parte. Ho dimestichezza con lui, e con casa sua. Il privilegio di poterlo vedere quando voglio, di potergli fare qualsiasi domanda e di lavorare con lui, oggi lo voglio condividere. Ma non troppo.

www

1. Distingue periodi più o meno felici nella sua carriera?

Come in tutte le carriere, è normale che esistano momenti più e meno importanti. Quando si segue la propria ispirazione e questa viene a mancare, quello è un momento brutto. Un buon momento, felice, è invece un grande successo.

2. Ha cominciato con il giallo ma poi il fantastico ha preso il sopravvento. Oggi che il cinema fantastico è pieno di effetti speciali, ha nostalgia di un certo cinema artigianale ma di grande impatto visivo, come il suo o quello di Mario Bava?

A me mancano certi momenti del cinema Giallo, del Thriller, in quanto poco diffusi ormai. Però cerco di continuare a frequentarli, vedendoli e facendoli.

dario argento

3. Cosa pensa delle nuove tecnologie? Girare un film con un cellulare aiuta il cinema?

Le nuove tecnologie sono importanti su determinati aspetti e hanno un senso. Non so però se si possa fare un film con il cellulare, per via delle profondità di campo mancante e altri tecnicismi. Ci sono delle videocamere digitali piccole, maneggevoli e che costano come un cellulare, tanto vale usare quelle.

film on the coil the vintage old black-and-white

4. Oggi molta televisione fa meglio di tanto cinema. Lei in Italia è stato un pioniere perché ha fatto la tv come faceva il cinema: cosa pensa di questi due linguaggi?

Attualmente ho in progetto di fare una cosa importante per la tv internazionale proprio perché sto iniziando a sentirmi stimolato da tutti i famosi film che arrivano dall’America e dalle serie, alcune eccezionali. In Italia la fiction invece è piatta, moralista e un po’ banale. In America è quasi più libera del cinema; si arriva a certe forme di rappresentazioni di violenza, di sesso che prima erano impensabili. Quindi certo, ritengo che sia il momento di fare tv e di farlo utilizzando il linguaggio tv dell’America.

5. Oggi in Italia si fanno soprattutto commedie, come vede il cinema Italiano dei nostri giorni?

E’ una questione prettamente economica: fare commedie costa poco e dovrebbe avere un buon risultato. Adesso, invece, ci avviamo verso un cambiamento perché le commedie hanno stancato il pubblico e iniziano ad andare male. E’ il momento opportuno per il cinema italiano di riqualificarsi e ritrovare generi che aveva abbandonato. Credo sia un momento di grande cambiamento. Vedremo dove si andrà a finire.

scritta1

Immagini dal sito www.darioargento.it e da jwsteenmeijerportraits.

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

"MEN" 2022 All'indomani di una tragedia personale, Harper (Jessie Buckley) si ritira da sola nella bellissima campagna inglese, sperando di aver trovato un posto dove guarire. Ma sembra che qualcun…
Di panico, amore e altri traumi. Quando Anthony Bourdain e Marco Pierre White, due leggende della ristorazione, scrissero nei primi anni del nuovo millennio le loro confessioni culinarie, molto pri…