Cerca
Close this search box.
  • Film

THE WHALE: la recensione del film di Darren Aronofsky

the whale film

Non ritengo che il film The Whale abbia una trama incredibile, e probabilmente in questa recensione non lo selezionerei tra i migliori di Aronofsky. Tuttavia, ritengo che la performance di Fraser sia stata brillante. Un carattere imperfetto, anche se meraviglioso che ci ha aperto gli occhi su una dipendenza che raramente affrontiamo.

Un film che racconta la vita di un singolo ma parla anche di un dolore universale. The Whale è un film che segue 5 giorni della settimana di un uomo che vive nella nostalgia e nel dolore e nel senso di colpa. È ambientato totalmente in un salotto, fattore che però non sminuisce la regia, anzi l’aiuta ad essere più coinvolgente.

L’Ipocrisia della religione spiegata da Darren Aronofsky

In The Whale, il trauma è evidente fin dalle scene iniziali. Ogni personaggio e storia secondaria ne è toccata. L’unico legame che lega i personaggi è la Chiesa e il modo in cui quest’ultima li abbia danneggiati.

Il film si apre con un giovane missionario mormone, Thomas, che “salva” Charlie. Una scena realizzata con il messaggio religioso del salvatore bianco che incoraggia molti nella fede cristiana – che ignorano gli insegnamenti biblici sull’orgoglio e il giudizio. Charlie ci gioca, scusandosi, vergognandosi delle sue azioni e del suo aspetto. Thomas sta al gioco concedendogli la grazia come fanno i salvatori. Questo finisce quando entra Liz (Hong Chau), una donna che odia la Chiesa.

Ordina a Charlie di smetterla di scusarsi: non ha nulla di cui vergognarsi. Liz poi dice a Thomas che deve andarsene. Che nessuno ha bisogno di “essere salvato” in quello spazio. Che la Chiesa ha ucciso il fidanzato di Charlie. Liz è molto più che la custode di Charlie. È la sorella del defunto fidanzato di Charlie, Alan, morto di una depressione causata dalla Chiesa. E, mentre il pubblico è consumato dalla vita di Charlie come una persona patologicamente obesa, il peso della scena è causato da un trauma religioso.

La storia di Charlie risale a un giovane che è stato costretto a negare la sua identità a causa degli insegnamenti bigotti della sua Chiesa. Charlie, infatti, per adempiere ai suoi doveri di marito secondo la dottrina, sposa Mary (Samantha Morthon). Divorzia da lei quando si innamora di un suo studente. Ciò porta vergogna sia sull’ex moglie che sulla coppia gay. Mary diventa un’alcolizzata che sta ancora lottando per il divorzio.

Poi, quando il fidanzato inizia a soccombere al suo trauma, entra in scena Liz. Anche il personaggio di Liz è estremamente ben studiato. Viene adottata in una famiglia che occupa un posto elevato nella Chiesa. Tuttavia, Liz non è bianca come la sua famiglia, il che le permette di vedere gran parte dell’ipocrisia nella religione. (Perché il fanatismo prende di mira la persona di colore mentre gli altri bianchi non stanno guardando.) Alan è anche alienato perché è un uomo gay, e lotta duramente con questo molto prima di Charlie.

Le parole di BRENDAN FRASER

It’s a redemption story about a guy called Charlie and he’s going through significant life changes and he’s forgotten about who he is to the ones he loves and he’s running out of time to tell them that if he can at all. But he has a super power. Charlie can see the good in others when they can’t see that in themselves and I am a firm believer that we need a little bit more of that in this world.

Sadie Sink and Brendan Fraser in The Whale film
Sadie Sink and Brendan Fraser.

Ellie, la figlia di Charlie è interpretata da Sadie Sink ed è un altro filo conduttore in questo complesso arazzo di traumi religiosi. È sfacciata, ribelle e “cattiva”, salta la scuola, fa la prepotente con gli altri bambini e non ha amici. Vediamo che il suo dolore deriva dall’essere stata abbandonata da suo padre.

Ma Charlie, al contrario di Mary, ha una rarissima qualità: riesce a vedere il bello nelle persone (quello che ironicamente la Chiesa dice di voler fare, quando afferma “Ama il tuo prossimo” ma senza mai metterlo in atto). La speranza che tutte le persone abbiano un cuore e che siano magnifiche, questo è il grande insegnamento del film. Il finale di The Whale ha spiegato il desiderio di Charlie di aiutare la figlia a trovare la felicità prima di morire. Questo è l’unico modo in cui sente che lo assolverà dai suoi errori passati.

Perché vedere The Whale?

The Whale è un film che affronta la questione del trauma religioso in diversi modi che possono essere analizzati e discussi molto tempo dopo che il pubblico ha lasciato la sala. Come i personaggi di questo film, noi (membri del pubblico) dobbiamo iniziare lentamente a portare alla luce le nostre relazioni contaminate dal trauma religioso. Iniziando con quello che ha fatto Charlie nel film, aprendo gli occhi sulla nostra realtà. Ciò include vedere le parti di noi che sono troppo grottesche e dolorose da affrontare.

Ricorda solo di guardare e ascoltare attentamente tutto ciò che accade in The Whale, e non solo Charlie. Il peso di Charlie è la prima cosa che le persone vedono e su cui lo giudicano prima ancora di parlargli. Quella vergogna è anche radicata nell’uomo. Ma il peso, la vergogna e altro ancora sono il prodotto di qualcosa di molto più grande di quello che Aronofsky esplora brillantemente nel film.

La trasformazione di Brendan Fraser

Ti ha incuriosito questa recensione del film The Whale? Scopri altri film che ti potrebbero interessare nelle recensioni di Just Baked!

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

Si torna a parlare di Inside Out, con l’annuncio del suo sequel – previsto per il 14 giugno di quest’anno. Il trailer rilasciato dalla Pixar ha incuriosito molti, facendo presagire all’orizzonte nuove…
Fin dalla sua uscita, Saltburn ha fatto molto parlare di sé. Non è un caso: ormai anche chi non ha visto il film conosce tramite i social le famose scene “della vasca”, “dell’incontro notturno”, “dell…
"MEN" 2022 All'indomani di una tragedia personale, Harper (Jessie Buckley) si ritira da sola nella bellissima campagna inglese, sperando di aver trovato un posto dove guarire. Ma sembra che qualcun…