Cerca
Close this search box.
  • giocoforza

Marketers Day 2024: Alla scoperta del futuro del marketing sportivo

Il 21 maggio presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia si è svolto il MARKETERs Day 2024, dal titolo “Game Changer”. L’evento aveva come focus il marketing sportivo. La giornata, presentata da Giada Bortoluzzi, ha visto alternarsi quattro speaker di rilievo nel settore.

Francesco Fraccaro e il Marketing Data-Driven nella MotoGP

Il primo a salire sul palco è stato Francesco Fraccaro. Ex studente di Ca’ Foscari con un Master in Sport Business Strategies, Fraccaro ha raccontato la sua esperienza come consulente in Yamaha MotoGP.

In Yamaha, Fraccaro lavora sull’analisi dei dati per massimizzare la visibilità del team e il ritorno per gli sponsor. Durante il suo speech ha messo in luce come sia oggi sempre più importante slegare il successo commerciale da quello sportivo. Yamaha è un esempio di come, attraverso una serie di strategie, si possano raggiungere successi commerciali pur in momenti sportivi difficili. Grazie ad una narrazione del brand meno legata a quanto avviene in pista, ad un rapporto con i fans che continua ad essere coltivato costantemente con iniziative come la livrea speciale presentata al GP di Le Mans e alla ricerca di una presenza social quando la visibilità televisiva tende a ridursi, Yamaha ha raggiunto record di visibilità online in una stagione molto magra dal punto di vista del successo sportivo.

Durante il suo intervento ha sottolineato l’importanza dei dati e del rapporto con i fan nel marketing sportivo. Con l’avvento della digital innovation e dei big data, il modello di business è passato dal B2B a B2C. Se una volta, infatti, il focus erano le sponsorizzazioni e il rapporto tra team e sponsor, oggi è fondamentale il rapporto e la conoscenza con i fans. Bisogna conoscere bene i fans per poi capire come proporre ad essi i servizi degli sponsor. Questo sta rendendo sempre più cruciale la conoscenza e la targettizzazione del pubblico.

Fraccaro ha citato il Manchester City come esempio di successo. Il City grazie al lancio di un’app proprietaria che connette i tifosi ha saputo raccogliere dati utili per strategie di marketing. Un’altra innovazione interessante è stata quella del Manchester United, che sta tracciando i tifosi durante le partite con l’obiettivo di arrivare, in futuro, a proporre nuove esperienze tramite tecnologie di realtà aumentata.

Fabrizio Taddei e la convergenza tra Sportswear e Casualwear

Secondo speaker è stato Fabrizio Taddei, Head of Global Partnership Department di Erreà, che ha offerto uno sguardo affascinante sul mondo delle sponsorizzazioni sportive e della produzione di teamwear. Fondata nel 1988 a Parma, Erreà è un’impresa familiare che si distingue per la produzione sartoriale di abbigliamento sportivo. La possibilità di collaborare alla creazione del prodotto e la produzione europea sono i fattori che oggi rendono Erreà competitiva nel mercato.

Taddei ha evidenziato come la linea di demarcazione tra sportswear e casualwear sia sempre più sottile, con le maglie sportive che diventano parte dell’abbigliamento quotidiano. Questo rende sempre più importante il suo design. Un esempio emblematico è la maglia del Como, nata da un quadro del presidente della squadra, e disegnata con la collaborazione di un artista indonesiano.

Nel disegnare una maglia, una strategia sempre vincente è quella di rifarsi alla tradizione della squadra. Nel calcio, soprattutto, l’heritage è un’arma potentissima. Bisogna, quindi, conoscere a fondo le peculiarità di ogni team con cui si lavora per potergli fornire un prodotto di successo.

Morgan Cuppone e la Strategia Pubblicitaria di Sky Media

Morgan Cuppone, Product Marketing Manager di Sky Media, ha presentato Sky Media, enfatizzando l’importanza della pubblicità per creare un’immagine positiva del brand e aumentare le vendite. Sky Media si distingue per la sua capacità di integrare le offerte commerciali e offrire spot pubblicitari mirati grazie alla tecnologia Ad Smart, che geotargetizza gli utenti per proporre contenuti personalizzati.

Cuppone ha spiegato come Sky Media si focalizzi non solo sul calcio, ma anche su altri sport in crescita, come il tennis, trainato dal successo di atleti come Sinner. L’attenzione ai dettagli e la capacità di innovare costantemente la strategia pubblicitaria sono i punti di forza che Sky Media mette a disposizione dei suoi clienti, garantendo loro standard tecnologici elevati e una perfetta integrazione delle offerte commerciali.

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI