Cerca
Close this search box.
  • Comunicazione
  • Creativity Report
  • Marketing

Il pacchetto Rizla+: un marchio tipografico centenario

Il pacchetto Rizla+, rimasto invariato da quando è apparso quasi 150 anni fa, grazie al suo design continua a dotare il marchio di un’identità immediatamente riconoscibile, rassicurando l’autenticità del prodotto ai suoi clienti.

La leggenda storica del pacchetto Rizla+

Secondo la leggenda dell’azienda, il francese Pierre Lacroix iniziò a progettare carta da sigarette nel 1532. Prese per sbaglio una carta arrotolata per una bottiglia di champagne, ne scoprì il potenziale e la perfezionò.

La famiglia Lacroix iniziò una seria produzione delle carte nel 1660, acquistando infine la propria cartiera nel 1736. Nel 1796 il marchio Lacroix ricevette il suo primo ordine di massa. Gli fu chiesto di fornire documenti durante le guerre napoleoniche ai soldati che avevano precedentemente usato carta strappata dai libri.

Le tecniche di produzione furono migliorate dopo il 1860. Nel 1865 l’azienda iniziò a usare la carta di riso. Nasce così il marchio “Riz La+“, dalla parola francese Riz (riso), combinato con “La” e una croce per rappresentare il nome della famiglia, Lacroix (la croce).

Rizla packaging design, 1938
Rizla packaging design, 1938.
https://www.packagingnews.co.uk/features/comment/history-of-the-world-in-52-packs-19-rizla-22-12-2015

Il fascino autorevole nel design del pacchetto Rizla+

Il design del packaging era ancora agli inizi, ma l’ambiente diventava sempre più competitivo. L’urgente necessità di etichettare le confezioni nel modo più chiaro possibile portò alla creazione di un semplice involucro utilitaristico.

Dal 1866 l’identità dell’azienda è costituita dal nome in grassetto serif oro lettering, insieme alla croce e full stop. La combinazione della croce tipicamente in oro con ombra su uno sfondo brillante (rosso o blu) accenna a qualcosa di antico, forse di provenienza ecclesiastica.

La frase “The Only Genuine“, così come le date dei marchi registrati, sono stati aggiunti nel corso degli anni, e nel 1954 il divario tra le parole è stato rimosso, condensando “Riz-La+“.

Oggi, il design della confezione presenta un’inclinazione all’indietro delle lettere serif maiuscole. Ciò rende il logo autorevole e – al tempo stesso – arcano, caratteristiche che potrebbero aver contribuito a prolungare il suo fascino nell’età moderna.

La collaborazione con l’Istituto Europeo di Design

RIZLA+ ha sfidato gli studenti dello IED di Roma nell’ esprimere il proprio talento su una linea di accendini in edizione limitata

L’obiettivo era trovare un concept che comunicasse in modo autentico ed innovativo il lifestyle urban e contemporaneo di RIZLA+.

Lucrezia Lamberti ha saputo combinare slang ed illustrazioni per rappresentare l’universo di RIZLA+ e l’Azienda lo ha considerato il miglior progetto. Il concept ruota attorno tre serie iconografiche: ‘The Musician’, ‘The Skater’ e ‘The Surfer’, rappresentando tre diverse realtà del lifestyle nell’universo RIZLA+.

Rizla+ di Lucrezia Lamberti
RIZLA+ Urban Slang di Lucrezia Lamberti – Studentessa del corso di Graphic Design. https://www.ied.it/progetti/rizla-urban-slang

Sommario

LEGGI ANCHE

ARTICOLI CORRELATI

La storia dell'editoria risale al 1936. La Phaidon Press pubblicò una monografia sull'opera dell'artista olandese Vincent van Gogh, intitolata Van Gogh. I fondatori di Phaidon, Béla Horovitz e Lud…
Il successo del marchio Chanel deve tanto al suo logo - due "C" intrecciate sul retro - quanto al suo stile di moda inconfondibile e alla concezione rilassata e informale dell'abbigliamento femminile.…